ANALISI INIZIALE DELLA FW43B

Facciamo il punto scritto sulla nuova Williams FW43B prima del nostro classico appuntamento live di Youtube.

Ci sono alcune aree che si trasformano nettamente, confermando il cambio di passo mentre altre si confermano e rimangono quasi uguali, se non migliorate. Questo ci servirà ad indicare il trend attuale di molte squadre nel tentativo di recuperare le deportanza dispersa.

L’ALA FRONTALE

Qui cambia tutto, tanto. In primo luogo, anche la Williams sembra perdere una certa qual dose di sidewash. Poco per la verità, e questo per due motivi.

Intanto perché le macchine non possono cambiare più di tanto. Questo gli costerebbe troppo per il 2021 e già sono previste grandissime spese per il 2022. Le squadre hanno provato a mantenere invariati il più possibile i progetti di quest’anno nonostante le nuove restrizioni. Se non si cambia la macchina, è difficile cambiare solo l’ala frontale, perché stravolgerebbe tutti i flussi attorno al veicolo. In questo senso, le squadre sono obbligate a svolgere solamente piccole modifiche.

clicca qui

In secondo luogo, abbiamo criticato molto il sidewash nel 2020 in quanto concetto che sacrificava troppo la deportanza, ma ora è più accettato perché intanto, con tanta perdita di carico al posteriore, si deve mantenere minore il carico aerodinamico frontale per avere un corretto bilanciamento tra i due assali.

In più, il profilo unico basso e continuo che caratterizzava l’ala anteriore della vettura 2020 sparisce per lasciare spazio anche a bordo della Williams ad un generatore di vortici. Ancora nell’immagine superiore.

Questo porterebbe a pensare che nel team stanno capendo e correggendo tante cose errate del passato. In primis, la gestione dei flussi non ottimale. Un altro esempio che possa testimoniare tutto questo lo si vede nel cambio di geometria dei raddrizzatori di flusso attorno alle prese, di filosofia ben differente rispetto al 2020.

IL CUCCHIAIO SI ALLUNGA

La deportanza della Williams sembra pure aumentare se si guarda al cape sotto al musetto. Questo si allunga tantissimo e, sapendo che crea un vero e proprio Venturi con l’asfalto, il quale quindi fa nascere carico aerodinamico grazie ad una forte depressione, la macchina si schiaccia forte al terreno quest’anno.

Riassumendo, infatti:

  • Minore sidewash.
  • Maggiore cape.
  • Migliore gestione vorticosa dei flussi all’anteriore.

Grandi rivoluzioni se pensiamo ai tempi di limitazioni economiche che corrono.

Questo, inoltre, fa presupporre che la macchina non abbia poi perso nemmeno troppo al posteriore e che i tecnici siano riusciti a trovare una pezza al regolamento.

clicca qui

ciò anche perché se il posteriore fosse decisamente più scarico, aumentando oltre modo lo schiacciamento delle ruote sterzanti, si sbilancerebbe completamente la vettura. In tal senso, se accrescono cosi tanto la deportanza davanti, mi farebbe pensare che sono molto aderenti al suolo anche con le ruote motrici. Vediamo le pance laterali per averne la conferma.

LE PANCE LATERALI

Queste non cambiano molto dal 2020 e anzi si confermano, ottimizzandosi. Altre squadre, inoltre, stanno assumendo questa stessa soluzione per il 2021.

La rampa che scende verso il fondo piatto è molto marcata e ampia e, forse, a vedere dalle immagini, pure più netta e ben definita rispetto allo scorso anno. Il tentativo di portare il flusso verso il fondo piatto e il diffusore (per alimentarli e generare deportanza) rimane quindi accentuato rispetto allo scorso anno. Sembra allora che il team sia particolarmente confidente su questo tipo di stratagemma per recuperare la spinta a terra persa con le limitazioni della FIA.

CONCLUSIONI SULL FW43B

La macchina appare molto modificata dove serve e estremamente ottimizzata dove invece già funzionava bene. Sembra un buon auspicio per l’anno che arriva. Questo sarebbe davvero ottimo perché in realtà, si è visto, pilota e motori ci sono e sono già ad un buon livello. A questo punto, serve solo più ritrovare la strada di crescita aerodinamica giusta per percorrerla fino in fondo.

Non si deve pretendere di essere perfetti fin da subito, ma almeno competitivi in Q2. Se cosi fosse, ci possiamo aspettare buoni risultati dalla FW43b.

A presto dall’ing. Alberto Aimar.

clicca qui

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: