Il capo del team Haas Gunther Steiner afferma che la stretta battaglia a centrocampo della F1 2022 mostra che non si deve aumentare il limite di budget.

Quest’ultimo è stato introdotto l’anno scorso per ridurre il divario tra i team. È ormai da tempo che le richieste di un aumento viaggino spedite, soprattutto da parte dei top team che lamentano di non riuscire a contenere i costi.

Il tetto massimo di 145 milioni di dollari della Formula 1 è stato messo sotto pressione a causa dell’aumento dell’inflazione e dei prezzi dell’energia a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina.

I costi del trasporto di merci e dell’elettricità, poi, sono quasi triplicati rispetto allo scorso anno, il che, secondo Wolff, capo del team Mercedes, è costato al suo team ulteriori otto milioni di sterline.

Christian Horner della Red Bull ha persino suggerito che la sua squadra avrebbe dovuto saltare le gare se avesse dovuto evitare di superare l’attuale limite.

Steiner, del team Haas, sta ancora lavorando per raggiungere il limite di budget piuttosto che dover ridimensionare, affermando che il limite di costo ha già migliorato notevolmente la concorrenza e pensa che spetti ai maggiori spendaccioni tenere sotto controllo il proprio budget.

Ma Steiner non molla, rimanendo fermo sulle sue idee.

Le regole all’inizio del mondiale sono state approvate da tutti, e dunque non vanno modificate per il team principal dell’Haas. Parlando della situazione Red Bull, Steiner afferma che a giovarne sarebbe la Ferrari. E non solo.

“Credo che ci siano nove squadre che sarebbero felici di non vederli partecipare ad una gara, perché non otterrebbero denaro per l’anno prossimo e potremmo dividerlo tra tutte. Sono sicuro che la Ferrari sarà contenta se non parteciperà alle ultime quattro gare”, ha dichiarato Steiner al sito statunitense Motorsport.com. “Penso che la mia soluzione sia quella di far funzionare le cose in un modo o nell’altro e credo che la maggior parte dei capi squadra abbia le stesse istruzioni”, ha aggiunto.

“Voglio dire, tutti dobbiamo farlo. Se dico al mio capo che non arriviamo alla fine della stagione, rimango senza lavoro. Questo è il mio lavoro. Dobbiamo farlo perché se non finiamo la stagione, l’anno prossimo non avremo soldi“, ha ripetuto.

“Come ho sempre detto, a breve termine non cambierà nulla, ma a medio e lungo termine credo che le squadre si avvicineranno. Quindi non dovremmo cambiare il budget cap ora e aumentarlo, perché ora è un bene per la competizione sulla griglia”, ha aggiunto il team principal Haas. “Non si sa mai chi è il migliore degli altri (fuori dai top team) e credo che se continuiamo con il tetto di bilancio e con queste regole, ci avvicineremo ancora di più alle grandi squadre”, ha concluso.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: