F1 – Il team principal della Red Bull Christian Horner ha “accusato” il suo parigrado Toto Wolff di aver guidato la Mercedes durante la stagione 2021 “per paura”. 

Horner e Wolff si sono risparmiati fuori dalla pista durante l’intensa battaglia per il titolo dello scorso anno tra Verstappen e Hamilton culminata, come ricorderete, con la controversa vittoria di Max al Gran Premio di Abu Dhabi. 

Il team principal Mercedes, in uno di quei momenti che rimarrà negli annali, è stato visto distruggere un paio di cuffie in Arabia Saudita e puntare il dito verso la telecamera in Brasile per sfogare la sua frustrazione mentre il campionato si avvicinava al suo (drammatico) culmine. 

Cosa succederà nella “saga del budget cup”?

Parlando a The Diary Of a CEO con Steven Bartlett, Horner ha detto che il comportamento di Toto Wolf è stato un esempio di “cattiva gestione” (anche) perché ha esternato il fastidio provocato dalla scuderia rivale.

“Gli inglesi sono piuttosto bravi a mantenere un atteggiamento rigido, da tipico gentleman: testa bassa e ad andare avanti”, ha detto Horner quando gli è stato chiesto come fa a controllare le sue emozioni. 

“Per me, il campionato del mondo dell’anno scorso è stato molto simile a quello di quest’anno. È stata una battaglia titanica, non solo tra i due piloti, ma anche fuori dalla pista tra le due squadre. È un gioco mentale, ma anche un’attività fisica“.

“È stata la prima volta, in quei sette o otto anni, in cui mercedes ha subito una qualsiasi forma di pressione. Credo che in quell’occasione si possa vedere la vera natura delle persone e ciò che sanno fare quando si trovano a dover competere”. 

Quando vedi la tua controparte che distrugge le cuffie, indica e inveisce contro le telecamere, sai che li hai fregati”. 

“E sai che se sentono la pressione in quel modo, anche le persone sotto di loro la proveranno. Secondo la mia esperienza, questo fa sì che le persone si irrigidiscano. 

Ricordo che prima della gara di Abu Dhabi ho riunito tutti i ragazzi e ho detto: “Qualsiasi cosa accada oggi, accadrà. Tutto ciò che possiamo fare è fare del nostro meglio e la cosa più importante è essere orgogliosi di ciò che è stato fatto per arrivare alla posizione in cui ci troviamo, lottando per questo campionato, che li abbiamo portati sul filo del rasoio, e soprattutto, godetevi questa esperienza. Non sappiamo quale sarà il risultato, ma andiamo lì con l’obiettivo di dare il massimo”. 

“E alla fine ha dato i suoi frutti. Penso, come leader, che il modo in cui ci si comporta si ripercuote su tutta l’azienda. Quindi se senti la tensione trasmetti paura e per me non è un modo sano di guidare una squadra”. 

“Bisogna essere inclusivi, aperti, affinché le persone sentano di avere una voce e che questa voce viene ascoltata, invece di avere paura o di parlare per timor. La Red Bull aveva più voglia di vincere”.

Riuscirà Hamilton a impedire a Verstappen una nuova era di dominio in Formula 1?

Horner ha sottolineato di essere sempre stato fiducioso che la Red Bull avrebbe trionfato sulla Mercedes nella scorsa stagione di F1 , grazie alla combinazione delle prestazioni di Verstappen e della “maggiore voglia” di vincere della sua squadra. 

“Le prestazioni sono sempre cicliche”, ha spiegato Horner. 

“La Mercedes ha avuto una lunga serie di vittorie, sicuramente più lunga della nostra, e sapevano che a un certo punto sarebbe finita. Vuoi per compiacimento, vuoi per qualsiasi altra ragione. Volevo assicurarmi di essere la squadra in ascesa per capitalizzare qualsiasi segno di debolezza”. 

“Ci sono diverse componenti; una è ovviamente il pilota e il pilota ha giocato un ruolo chiave. Difficile trovare una persona più determinata o con più passione di Max. 

“La squadra ha avuto fiducia in se stessa e si sono spinti tutti al limite, operando a un livello che ci ha portato fuori dalla nostra zona di comfort. Che si tratti di pit-stop da record, di strategie aggressive o di rischi calcolati, con un atteggiamento “non abbiamo nulla da perdere” avevamo ottime possibilità. 

“Alla fine credo che sia stata la voglia di fare, la voglia di fare e il modo in cui ci siamo applicati come squadra, sotto enormi pressioni, e abbiamo affrontato tutto in modo molto unito”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: