L’idolo locale punito per non aver alzato il piede in regime di bandiera rossa nelle seconde libere

Bruttissime notizie in casa Red Bull. In una giornata in cui la RB14 si è dimostrata molto performante, con Verstappen ha ottenuto il secondo crono tra le Mercedes, è arrivata la mazzata nel tardo pomeriggio di Melbourne. Daniel Ricciardo sarà obbligato a scontare tre posizioni di penalità sulla griglia di partenza della gara di domenica.

La colpa di ”honey badger” è stata quella di non aver sufficientemente alzato il piede quando è stata esposta la bandiera rossa a causa di un detrito proprio sulla linea del traguardo. L’australiano stava effettuando la sua simulazione di qualifica con le gomme UltraSoft quando la sessione è stata interrotta. Poco dopo Ricciardo ha alzato il piede di ben 175 km/h, ma ciò non è rientrato nel delta-time imposto dai commissari quando si viene a creare una situazione di pericolo.

I commissari hanno poi analizzato le telemetrie della Red Bull #3 e hanno trovato l’infrazione, ma hanno anche giudicato che il rallentamento c’è stato, decidendo dunque di comminare una sanzione non così importante. Questo è ciò che si legge nel comunicato della FIA.

Dunque il week-end di casa non poteva cominciare in maniera peggiore per Daniel, che già era sembrato in difficoltà nel confronto con Verstappen quest’oggi. La penalizzazione non lo aiuterà di certo ma sappiamo che se c’è un pilota che non molla, beh, quello è proprio Ricciardo, che certamente saprà far divertire il suo pubblico e tutti gli appassionati.