Ecco svelata ufficialmente la nuovissima BMW serie 4 Coupè in un look decisamente aggressivo che dividerà non poco il mondo degli automobilisti.

La nuova linea della BMW Serie 4 Coupé è stata presentata e già ci sono tantissimi pareri contrastanti. C’è chi dice che è bellissima, c’è chi dice che è un pugno in un occhio. Alla fine tuttavia, come si dice in un noto detto, tutti ne parlano e il carico da 90 sganciato da BMW sta già dando i suoi primi frutti.

BMW Serie 4

Linea decisamente sportiva per la nuova BMW Serie 4, coupé, appunto, con le 2 porte d’accesso all’abitacolo senza montanti e una linea molto spigolosa. Ma il dettaglio che ha canalizzato l’attenzione di tutti è ovviamente un altro: i due enormi reni anteriori.

Certamente sono un richiamo al passato, subito ho pensato alla mitica BMW 2002 turbo, progenitrice delle ben più famose M3. D’altra parte però, ho l’impressione che questo dettaglio ci proietti direttamente nel futuro, in un futuro che stavamo aspettando ma che sembrava, forse, non arrivare mai.

BMW Serie 2002

Il netto cambio di marcia nello stile di BMW lo si apprezza confrontando la nuova Serie 4 con la sorellina minore, la Serie 3 G20. Tra le due c’è una netta differenza. Sono richiamate solamente le prese d’aria laterali a T “sdraiata” della versione standard (non M-Sport). Al contrario, sulle ormai vecchie F30/F32 c’era una ben più netta somiglianza.

BMW Serie 4

Le versioni configurabili della nuova generazione di BMW Serie 4 sono cinque al momento: 420i, 430i e M440i xDrive per i benzina con potenze rispettivamente di 184, 258 e 374 CV. Mentre 420d con 190CV diesel, disponibile sia in versione xDrive che con la consueta trazione posteriore. Nel 2021 arriveranno in listino due motori diesel 6 cilindri in linea. Alla faccia della crociata dei motori diesel!

La versione più potente, la M440i, è dotata della tecnologia Mild Hybrid mentre tutte le versioni saranno dotate del cambio automatico 8 rapporti Steptronic. Cambio che sarà disponibile, come optional, anche nella versione sportiva.

Che dire, questa nuova generazione della BMW Serie 4, che arriverà presumibilmente anche nelle versioni Cabrio e Gran coupé, è incentrata sulla sportività. Baricentro basso, una discreta dose di potenza e un bilanciamento dei pesi 50:50. Sono curioso di vedere se reggerà il confronto con una quasi-diretta-concorrente che se ne intende di guida sportiva: Alfa Romeo Giulia.

BMW Serie 4

Migliorano anche gli interni ovviamente, personalmente unico “difetto” della generazione uscente, troppo conservativi a mio modo di vedere.

Al giorno d’oggi, in questo mercato dell’auto sempre più combattuto, bisogna osare e dosare.

Dimenticavo i prezzi, ovviamente non proprio economici quando si parla di BMW. Per portarsi a casa una di queste Serie 4 serviranno non meno di 51.000€, sia benzina sia diesel. Ovviamente parlo della versione base. Aggiungendo qualche optional si fa in fretta a far schizzare il preventivo, soprattutto sui marchi premium, a cifre molto elevate. Se volete però puntare in alto, dovrete sborsare ben 80.000€ per una M440i, sempre base ovviamente.

Oppure potete sempre aspettare di vedere la nuova M4.

BMW Serie 4

In sostanza, BMW, con questa Serie 4, ha voluto mischiare un po’ le carte in tavola. Al giorno d’oggi, in questo mercato dell’auto sempre più combattuto, bisogna osare e dosare.

Ho grandi aspettative da questa BMW Serie 4. Magari non piacerà a tutti, all’inizio. Ma datele tempo e soprattutto andrebbe vista dal vivo. Non vedo l’ora di provarla per poter apprezzare (o criticare, eventualmente) il lavoro svolto dalla casa dell’elica.

Sicuramente ci farà discutere a lungo ma alla fine ci metterà d’accordo….oppure no? A me, comunque, piace molto. E a voi?

A proposito dell'autore

Sono cresciuto a pane e Formula 1. Le auto sono la mia passione e scrivere articoli mi permette di condividerla con tutti voi. Twitter @ivan_morepower

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: