McLaren F1 competitiva grazie ad Alonso e Vandoorne

“Meritano ‘molto credito’ Fernando Alonso e Stoffel Vandoorne per aver aiutato la McLaren a sviluppare una vettura di Formula 1 decisamente migliore a quella dello scorso anno”.

A parlare è stato il capo squadra Andreas Seidl.

Sebbene entrambi i piloti abbiano attraversato momenti difficili per via della mancanza di competitività della McLaren negli ultimi anni, Seidl ritiene che il lavoro svolto da entrambi i piloti abbia aiutato il team a intraprendere la via giusta per avviare un percorso di sviluppo importantissimo.

Seidl ha inoltre aggiunto che non avrebbe mai potuto aspettarsi che la McLaren compiesse questi rapidi progressi.

La squadra di Woking ha migliorato di gran lunga le proprie prestazioni attestandosi dietro le prime tre squadre.

“Penso che nessuno se lo aspettasse all’interno della squadra, dopo aver terminato la passata stagione come la nona vettura più veloce”.

“Questa è una semplice dimostrazione di come molti dei cambiamenti avviati lo scorso anno stiano dando i propri frutti e il team ha fatto un buon lavoro nel portare in pista la vettura di quest’anno”.

“Le informazioni raccolte dai piloti dello scorso anno ha permesso al team di capire quali fossero i reali problemi della monoposto, e dovremmo dare un sacco di credito a Fernando e Stoffel, che hanno avuto il merito di sottolineare quali fossero le debolezze e quale direzione dovevamo seguire per sviluppare l’auto”.

Nonostante 20 punti di vantaggio rispetto alla Renault nel campionato costruttori, Seidl è ben consapevole che la situazione può cambiare rapidamente e quindi la sua squadra non può rilassarsi.

“L’obiettivo è quello di continuare a sviluppare la vettura”, ha spiegato.

“Ovviamente ora vogliamo essere sicuri di mantenere questa posizione per un po ‘, ma abbiamo comunque visto che le cose possono cambiare rapidamente. Sarà dunque una battaglia serrata”.

“Abbiamo ancora delle lacune, quindi è importante non eccitarsi, tenere la testa bassa e continuare a concentrarsi sui punti deboli che abbiamo”.

Anche se prudente in vista delle prossime gare, Seidl ritiene che il ritmo della McLaren giustifichi la posizione attuale.

“Nelle ultime due gare avevamo anche la quarta vettura più veloce, quindi meritiamo di essere al quarto posto nel campionato costruttori”, ha detto.

“Ma fino alla gara del Paul Ricard dobbiamo essere onesti: non avevamo la quarta vettura più veloce, era tra la quinta e la settima vettura più veloce e alla fine eravamo in P4 perché avevamo una migliore affidabilità, pit stop più veloci, migliore strategia o migliore scelta delle gomme “.