Subito 1-2 delle frecce d’argento davanti a Ricciardo e alle rosse. Gran botto per Ericsson a fine turno

La prima sessione di prove libere del GP di Francia è andata in archivio nel segno Mercedes. Sulle W09 e i team clienti ( Force India e Williams) è stata montata la seconda power unit, ma non è ancora chiaro se si tratta di una specifica aggiornata o se sia ancora identica alla prima unità. Il cambiamento sembra aver sortito in ogni caso un buon effetto, con Lewis Hamilton davanti a tutti in 1’32”231, ottenuto con mescola UltraSoft. Alle spalle del campione del mondo si è issato il suo compagno di squadra Valtteri Bottas, secondo con 140 millesimi di distacco.

Appare competitiva anche la Red Bull, con Ricciardo che ha fatto segnare il terzo tempo in 1’32”527, dunque molto vicino al tandem di testa. Va segnalato che con le UltraSoft Daniel ha migliorato di poco più di un decimo quanto aveva fatto con le Soft, dunque ben due mescole più dure. Da capire se la RB14 non digerisca le coperture più morbide in questa pista o se non abbiano voluto forzare di proposito.

Le Ferrari sono partite in sordina, come del resto in ogni venerdì di questa stagione. Kimi Raikkonen è quarto, ma con oltre 7 decimi di ritardo dal battistrada a parità di gomma. Peggio di lui ha fatto Sebastian Vettel, che si è visto rifilare dal rivale quasi un secondo netto. La sensazione è che, come al solito, la SF71-H sia arrivata alle prime libere con un assetto tutt’altro che azzeccato, che sarà da rivedere tra oggi e domani se si vorrà replicare quanto fatto in Canada.

Sorprende la Haas, sesta con Grosjean. Il pilota di casa ha dato un’idea di quanto più forte possa andare la Ferrari, piazzandosi a meno di un decimo dal leader del mondiale. Impensabile dire che la vettura americana possa essere così vicina alla rossa, dunque è chiaro che i top team possano ancora migliorare moltissimo, ma nella lotta tra le altre squadre la Haas si candida ad un ruolo di protagonista su questa pista dopo due gare anonime. Un pò sottotono Max Verstappen, solo settimo con l’altra Red Bull, ad un secondo e un decimo da Hamilton. La top ten è stata completata da Gasly, Perez e Magnussen.

Continua la crescita di Alfa Romeo-Sauber e di Charles Leclerc, tredicesimo e davanti ad Ericsson nonostante molti testacoda. Proprio lo svedese si è reso protagonista di un violento impatto contro le barriere dopo il rettilineo del Mistral, che ha portato la sua C37 ad incendiarsi ma il pilota è uscito senza problemi dalla vettura. Continua la sofferenza di Mclaren e Williams: Alonso e Vandoorne solo rispettivamente sedicesimo e diciannovesimo, mentre le FW41 sono diciassettesima con Stroll ed ultima con Sirotkin.

Alle 16 la seconda sessione di prove libere.

 

Fotogrammi delle libere 1

L'immagine può contenere: una o più persone

Foto Gallery Formula 1

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: