Il presidente e amministratore delegato della Formula 1 Stefano Domenicali ha una prospettiva ottimista per lo sport, prevedendo un futuro entusiasmante e altro ancora in quello che è stato intitolato un discorso “stato della nazione F1”.

Sul sito della Formula 1 sono tanti i punti che evidenziano lo stato attuale della Formula 1 con conseguenti prospettive emergenti per il futuro. Uno di questi è rivolto al 2022 ed è quello che viene già considerato “un anno da record”. Quello che stiamo vivendo è probabilmente uno dei campionati più belli e più intensi degli ultimi anni e non è stato certo facile, dicono, organizzare il tutto in un tempo così complesso con il Covid-19.

“Siamo stati costretti ad essere adattabili, flessibili e proattivi, ma la ricompensa è stata un calendario con un ritmo forte considerando le circostanze. E questo è stato reso possibile grazie al nostro team qui in F1, alla FIA, ai team e ai promotori.” – ha detto Domenicali.

“L’anno prossimo, abbiamo lanciato il calendario con 23 Gran Premi. Grazie ai promotori e alle squadre, abbiamo adattato il calendario per iniziare a metà marzo e finire il 20 novembre, un mese prima di Natale”.

Il prossimo anno vedrà l’arrivo di una nuova esperienza a Miami. E questo arriva dopo l’aggiunta di due nuove sedi in Qatar e Arabia Saudita quest’anno. Ma per il 2022 il comunicato ammette che “ci saranno presto altre buone notizie. Stiamo andando nella giusta direzione e abbiamo raggiunto un punto in cui possiamo scegliere dove andrà la F1 in futuro. Abbiamo così tante richieste per ospitare un Gran Premio. Dimostra che la nostra piattaforma è attraente con sempre più governi che la vedono come un’opportunità per sviluppare le loro attività, l’economia locale e la consapevolezza della loro comunità. Ci aspettano tempi entusiasmanti.”

Giusta direzione = giusti investimenti

Come lo stesso Domenicali afferma, il grande interesse dimostrato anche da “membri” che sono già all’interno della F1 dimostra quanto alte siano le prospettive.

“Aston Martin è un marchio incredibile, un OEM con il DNA giusto per la F1. Che un’azienda del genere stia investendo quel livello di denaro in F1 significa che Lawrence Stroll crede nel nostro progetto e crede che la F1 rappresenti uno dei pilastri più importanti su cui svilupperanno la loro strategia. Abbiamo visto Red Bull già impegnarsi a costruire il proprio motore, con un grande investimento nel Regno Unito. E questo è un altro segno di vera lealtà a lungo termine nel campionato. Sono grato per quello che hanno fatto per la F1 e per quello che continuano a fare.

E la Williams sta andando avanti con una nuova proprietà con Dorilton che sta mettendo in atto i passi per rafforzare il futuro della squadra. Abbiamo sentito che ci sono molte parti interessate che vogliono acquistare team e questo significa che la F1 come azienda è sana e che le scelte che stiamo facendo, come l’introduzione di carburanti sostenibili e la revisione della power unit, sono il giusto approccio tecnico strategico. Stiamo sfidando il sistema con l’ambizione di avere auto più leggere, che possano gareggiare tra loro e che suonino bene. È qui che vogliamo andare e questo è ciò che dobbiamo avere in futuro.”

L’innovazione della F1 Sprint sul weekend

“Siamo soddisfatti di quanto appreso dai primi due Sprint. Quello che è chiaro è che cambia la dinamica del weekend ma vogliamo aspettare l’ultimo test in Brasile e poi preparare il pacchetto giusto per il futuro. Il clou deve essere il format del weekend. A partire da venerdì, la modalità azione è completamente attiva. Ecco perché i promotori sono contenti. Abbiamo ricevuto richieste per ospitare lo Sprint.

Dal punto di vista sportivo, abbiamo visto che meno tempo hai a disposizione, più imprevedibile è l’azione in pista in qualifica e in gara. C’è qualche messa a punto che dobbiamo fare, ma ci stiamo lavorando ora. È sempre facile essere negativi e non cambiare, ma spingiamo per andare in questa direzione perché vediamo l’entusiasmo delle giovani generazioni e l’interesse più ampio di quelle di tutto il mondo.

Lewis Hamilton o Max Verstappen? che lotta quest’anno

“L’ultima volta che ci siamo trovati in una lotta così serrata per il campionato, ero dalla parte della squadra alla Ferrari, con il titolo che scendeva fino all’ultima gara nel 2010 e nel 2012 – quindi so cosa significa vivere questo tipo di intensità” – conclude Domenicali – “È fantastico per la Formula 1 avere una lotta così intensa, ma non voglio concentrarmi solo su quello, perché dobbiamo lottare per altre posizioni. McLaren e Ferrari, ad esempio, stanno lottando duramente per il terzo posto. E abbiamo battaglie lungo tutto il campo, con le posizioni finali nel campione dei costruttori.”

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: