Il tedesco porta la Ferrari in pole per la quarta volta quest’anno, Bottas completa la prima fila. Solo quarto Hamilton dietro a Verstappen

Gran Ferrari in Canada! Sebastian Vettel ha riportato la rossa davanti a tutti nelle qualifiche di Montreal 17 anni dopo l’ultima volta. Nel 2001 fu Schumacher ha staccare il miglior tempo, cosa che si è ripetuta oggi dopo tantissimo tempo per la scuderia di Maranello.

Seb ha girato in 1’10”764, stracciando il record stampato da Hamilton nella scorsa stagione. Da sottolineare comunque l’ottimo lavoro di Bottas, eccellente secondo e nettamente meglio di Hamilton che qui ha vinto ben sei volte. Il distacco del finlandese è di 93 millesimi, un nulla, ma quanto basta per tenere la SF71-H #5 davanti alla W09 del finlandese. Gran lavoro anche per Max Verstappen, che ha inserito la sua Red Bull tra le frecce d’argento. Su una pista dai lunghi rettilinei come quella canadese torna a farsi sentire il deficit di potenza della power unit Renault, ma in chiave gara attenzione all’olandese che potrà dire la sua.

Il grande deluso di giornata sarà senz’altro Lewis Hamilton. Il campione del mondo non è andato oltre il quarto tempo, girando in 1’10”996 e prendendosi oltre due decimi dal compagno di squadra. L’inglese è apparso in difficoltà specialmente nel Q3, dove in entrambi i tentativi ha perso tempo al tornante del Casinò bloccando la gomma anteriore sinistra e facendo perdere trazione alla vettura. La gara di domani è lunga, ma di certo non sarà più lui il favorito numero uno come molti lo davano alla vigilia.

Ancora una volta molto deludente Kimi Raikkonen. Il finlandese ha sbagliato in curva 2 nel suo giro decisivo, dovendosi accontentare della quinta posizione con il tempo di 1’11”095, ottenuto nel primo tentativo. Sesto Ricciardo, che paga un netto deficit di potenza dal compagno di squadra sul lungo rettilineo. Hulkenberg è il primo degli altri con la Renault, davanti alle Force India di Ocon e Perez in mezzo al quale si è infilato Carlos Sainz.

Nella Q2 c’è da segnalare la presenza di Leclerc, che ormai da Baku supera agevolmente il taglio della prima qualifica e che sta mettendo nel mirino un accesso nel Q3. In questa fase sono stati eliminate le deludenti Mclaren di Alonso e Vandoorne, l’Alfa Romeo-Sauber di Leclerc, la Haas di Magnussen e la Toro Rosso-Honda di un ottimo Brendon Hartley. Da segnalare che Ferrari e Mercedes hanno effettuato il loro giro di qualificazione alla terza sessione con le UltraSoft, dunque domani partiranno con quella mescola. Tutti gli altri ( Red Bull compresa) scatteranno con le HyperSoft.

Il Q1 era cominciato col botto. Appena uscito dal garage Romain Grosjean è stato vittima di un guasto alla power unit Ferrari della sua Haas. Dal posteriore della vettura si è levata una grande fumata bianca che lo ha costretto a fermarsi in corsia box. Assieme a lui sono stati esclusi Ericsson, Gasly e le Williams di Stroll e Sirotkin. Anche per lo svedese dell’Alfa Romeo-Sauber una disavventura, dato che ha colpito un muretto rompendo la sospensione anteriore destra. Domani scatterà diciannovesimo.

La gara inizierà alle ore 20 ora italiana.