Carlos Sainz afferma di non essere contento di essere ricordato nella storia della Formula 1 come un pilota tipo Rubens Barrichello: “Voglio essere campione del mondo un giorno”, aggiunge.

Grandi ambizioni e obiettivi chiari. Carlos Sainz sa certamente che vuole. Sebbene di grande talento, esperienza e talento, il brasiliano Barrichello sarà probabilmente ricordato come il pilota numero 2 della stella della Ferrari Michael Schumacher. Lo spagnolo si è pronunciato proprio su questo:

f1 ferrari sainz
f1 ferrari sainz

“Sarei felice di essere un Barrichello? No, chiaramente no. Voglio essere campione del mondo un giorno”, ha detto lo spagnolo ai media lunedì.

“Questo è ciò per cui lotto ogni giorno. Il tempo dirà se ci riuscirò o meno”.

Carlos Sainz corre al fianco di Charles Leclerc nella Ferrari e sa benissimo che il percorso verso il mondiale è più che tortuoso. Ammette che si sta ancora aggiornando a Maranello, quindi continua a guardare verso il lato del box di Leclerc per avere una guida.

“Charles ovviamente sa meglio di me come guidare questa macchina, essendo stato in Ferrari per tre anni”, ha detto. “È vero che sto cercando di copiare un po’ il suo stile di guida. Voglio solo assorbire tutto ciò che sa sulla macchina.”

Halo F1
Power unit Ferrari F1

L’auto del 2021 dovrebbe ricevere a breve un significativo aggiornamento del motore, forse in tempo per la prossima gara in Turchia.

“Non ne sono sicuro”, insiste Sainz. “Penso che ci saranno novità in merito nelle prossime settimane”.

Il capo del team Red Bull Christian Horner si aspetta sicuramente che la Ferrari risorgerà, soprattutto perché il team italiano è concentrato da tempo sul 2022.

“È una grande squadra con due ottimi piloti, quindi spero che saranno un contendente l’anno prossimo”, ha detto a La Gazzetta dello Sport. “Le loro prestazioni sono migliorate, il motore è migliorato, hanno un nuovo propulsore in arrivo. Torneranno”.

Sainz conferma che la Ferrari ha colto appieno l’opportunità di “ricominciare da zero” con il suo pacchetto 2022. “Spero che siamo preparati come chiunque altro per questo cambiamento”, ha affermato infine. “Lavoriamo sulla vettura 2022 da gennaio, il 90% delle volte anche al simulatore. Non ho idea degli altri, ma non ci lasceremo indietro nulla per lottare ancora per vincere il prossimo anno”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: