Le prime due ore della 24 ore di Le Mans vedono Toyota e Ferrari in testa tra LMP1 e GTE PRO. Splendida lotta in P2 e GTE AM.

Dopo due ore di gara, la 24 ore di Le Mans vede in testa in classe LMP1 dalla Toyota ed in GTE PRO dalla Ferrari. La TS050 Hybrid #7 di Mike Conway comanda la carica, seguita dalla #8 con Sebastièn Buemi. La vettura dello svizzero ha anche sofferto una foratura lenta, recuperando poi la seconda piazza sulle due Rebellion. La #1 di Bruno Senna è stata protagonista di una gran prima parte di gara, tenendo bene il ritmo dei prototipi ibridi. Poco dopo però, i giapponesi hanno alzato il ritmo riuscendo ad allungare, con un gap ora superiore al minuto.

In LMP2 proseguono i cambi al vertice, con l’Oreca 07 Gibson #37 di Will Stevens del Jackie Chan DC Racing attualmente al vertice. Tanti problemi per due delle favorite, l’Alpine #36 e la #29 del Racing Team Nederland. Buona la prova della Dallara #47 del Cetilar Racing, attualmente undicesima con il patron Giorgio Sernagiotto.

Sorprende la 488 GTE, attualmente al comando con Miguel Molina nella classe GTE PRO. Lo spagnolo è seguito dall’Aston Martin #97 di Maxime Martin, mentre è terza l’altra vettura di AF Corse, la #51 di James Calado. Inspiegabilmente in difficoltà le Porsche, con la #91 di Gimmi Bruni che partiva dalla pole position, ma sin da subito ha perso terreno. Entrambe le 911 RSR pagano oltre mezzo minuto di ritardo dalla vettura di testa e non hanno il ritmo per giocarsela. Tra le AM, davanti a tutti c’è l’Aston #98 di Paul Dalla Lana, mentre problemi per la Ferrari #54 di Giancarlo Fisichella che è stata ritirata nel garage.

IMMAGINE DI COPERTINA: Ferrari Races Twitter Page

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: