La nuova Ferrari F1-75 è stata presentata giovedì e ha debuttato in pista venerdì a Fiorano.

Il capo del telaio del team Enrico Cardile ha chiarito che la situazione non era un ritardo imprevisto di qualsiasi tipo, ma che la praticità di gestire un cambiamento di regole così enorme in un limite di budget significava che dovevano essere stabilite delle “priorità”.

“Abbiamo lavorato in un contesto estremamente complesso: le modifiche più radicali alle regole tecniche in 40 anni”, ha affermato. “E in più, tante modifiche al regolamento sportivo, con un nuovo format per il weekend, e poi per finire un budget cap.

“Siamo stati costretti a porci molti obiettivi, alcuni in contrasto tra loro e tutti impegnativi. Per schiarirci le idee, abbiamo dovuto stabilire alcune priorità tra tutti questi obiettivi.

“Alcuni li abbiamo raggiunti, altri ci siamo avvicinati ma alla fine non li abbiamo raggiunti del tutto. Abbiamo già elaborato un piano di sviluppo, sia in termini di aerodinamica che sotto la carrozzeria”, ha affermato Cardile.

“Ovviamente il limite di budget significa che dobbiamo essere pragmatici in termini di sviluppo, quindi mi aspetto che gli aggiornamenti non saranno così frequenti come siamo stati abituati in passato.

“Altri due parametri che giocheranno un ruolo cruciale e potrebbero spostare le risorse in una direzione o nell’altra saranno l’affidabilità dell’auto e gli incidenti di gara”.

Anche se era in piena lotta con la McLaren per raggiungere il suo obiettivo di tornare a un rispettabile terzo posto nel campionato costruttori, la Ferrari è stata in grado di porre maggiormente l’accento sul 2022 entro i limiti di budget.

“Il limite di budget ha inevitabilmente ridotto le risorse disponibili”, ha aggiunto Cardile.

“La nostra decisione dell’anno scorso di limitare gli sviluppi dell’SF21 ci ha aiutato notevolmente a mitigare gli effetti di bilancio per quanto riguarda lo sviluppo dell’F1-75.

“Dal punto di vista tecnico, devo dire che tutto quello che avevamo in mente lo abbiamo saputo sviluppare e portare sulla vettura”.

La Ferrari ha chiarito di aver adottato un approccio audace con il suo concept di design 2022 in tutte le aree.

“C’è così tanta innovazione in questo veicolo”, ha spiegato. “Ci siamo avvicinati al nuovo design con molta curiosità e voglia di andare in tante direzioni diverse. La carrozzeria dell’auto è in contrasto con le tendenze degli ultimi anni. La Ferrari non ha mai avuto una sospensione posteriore di questo tipo.

“Molte novità non si vedono, ma non sono meno importanti, consentendoci di continuare a migliorare le funzioni tecniche nonostante le nuove regole”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: