La Ferrari non ci sta. Dopo il provvedimento preso dalla Fia ai danni della Racing Point, la Ferrari ha deciso di fare ricorso contro una sentenza che ha lasciato con l’amaro in bocca.

La sentenza, arrivata questa mattina, prevede una penalità di 15 punti nella classifica costruttori, 400mila euro complessivi di multa e reprimenda per aver utilizzato gli stessi particolari tecnici in Ungheria e nel Gp di Gran Bretagna. Troppo poco per aver sostanzialmente riportato in pista, in rosa, la W10 con cui la Mercedes si è laureata  campione del mondo nel 2019.

Come era prevedibile, diverse sono state le critiche mosse all’interno del Paddock, prima dalla Renault e poi appunto dalla scuderia di Maranello, che già nel pomeriggio aveva fatto sapere, tramite la parole di Mattia Binotto, di voler presentare ricorso dopo aver analizzato le quattordici pagine del provvedimento.

Almeno in questa occasione la Ferrari ha deciso di alzare la voce, non ci resta che star a vedere come la Fia deciderà, a questo punto, di comportarsi.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: