Test d’Ungheria, giorno 2: Vettel domina la classifica, Williams mantiene il cambio in alluminio!

Sebastian Vettel ha chiuso al vertice della classifica nella seconda e ultima giornata di test collettivi, approvando gli sviluppi approntati alla SF70-H; confermate le sensazioni positive che attendevano il ritorno di Robert Kubica, 4° al termine della giornata. Instancabile il lavoro di Luca Ghiotto su Williams.

Sono terminati ieri sul circuito dell’Hungaroring i test interstagionali che hanno coinvolto i team in pista per l’ultima volta, prima della pausa estiva. Programmi di lavoro differenziati per le varie squadre, che anche nel secondo giorno di prove hanno schierato numerose nuove presenze.

Sebastian Vettel ha guidato la monoposto di Maranello nella mattinata, sostituito solo nel pomeriggio dal compagno di squadra Kimi Raikkonen: al pilota tedesco è tuttavia valso il miglior tempo di giornata, ottenuto ad appena metà mattino dopo aver completato 40 giri, fermando il cronometro a 1’17″124, circa un secondo più lento del tempo ottenuto in qualifica sabato scorso.

Sensazioni positive sono arrivate a fine giornata rispettivamente da entrambi i ferraristi, anche se la squadra quest’oggi è scesa in pista senza mostrare novità rilevanti: sono state verificate alcune soluzioni, tutte svoltesi con esito affermativo e fondamentali, dato che nel corso della stagione le squadre non hanno concesse molte occasioni dalla Federazione Internazionale per disputare dei test.

Sebastian Vettel - Ferrari - Formel 1 - Budapest - Test - 2. August 2017
Sebastian Vettel al mattino ha disputato due ore in pista, prima di lasciare la SF-70H al compagno di squadra Kimi Raikkonen.

Dietro di lui si è imposto Lando Norris, altra giovane promessa che ruota attorno all’orbita McLaren Honda. Il 17enne inglese, attualmente impegnato nel campionato europeo di Formula 3, ha stupito per la sua grande capacità di adattarsi alle complesse monoposto di oggi e per aver fatto segnare il tempo di 1’17″385, seppur utilizzando un treno di pneumatici Ultrasoft, segno del vantaggio di cui godono i piloti odierni come Lando nel sfruttare i simulatori a casa, per poter poi spingere al massimo sin dal primo giro su di una monoposto di Formula 1.

Al quarto posto nella classifica generale si è posizionata l’attesa di oggi, Robert Kubica. Nuovamente al volante per la prima volta in un appuntamento ufficiale dal terribile incidente del 2011, il pilota polacco ha spinto la sua Renault RS-17 fin dal mattino, completando 142 tornate. Nonostante ieri nel paddock si fosse notato il profondo segno lasciato dall’impatto nel rally di Andorra, Kubica non ha mostrato nessuna difficoltà nel condurre la monoposto francese, facilitato anche dalla presenza della leva frizione alla sinistra del volante.

Robert Kubica - Renault - Formel 1 - Budapest - Test - 2. August 2017
Robert Kubica ritorna per la prima volta su una monoposto, in un evento ufficiale, dopo sei anni. Fonte: Auto Motor Und Sport.

Dopo la parentesi di martedì con Gelael, la Scuderia Toro Rosso è tornata in pista schierando i piloti ufficiali Carlos Sainz e Daniil Kvyat, rispettivamente l’uno al mattino e l’altro al pomeriggio.

Rinnovata la battaglia in casa Force India: dopo che martedì Nikita Mazepin era riuscito ad averla vita nei confronti del compagno Lucas Auer, alternatosi alla guida della VJM10, l’austriaco ieri ha avuto la meglio del collega, abbassando il proprio miglior tempo di 1,3s circa e infilandosi al settimo posto nella classifica.

George Russell ha portato per la seconda giornata consecutiva in pista la W08, installando la terza soluzione dell’Halo che la Federazione ha voluto in via ufficiale sulle monoposto a partire dal 2018. Per il junior driver di nazionalità britannica va il completamento di 90 giri, sebbene sia stato costretto ai box per alcune difficoltà di natura tecnica. Poi Pierre Gasly, il campione in carica della passata Gp2 (ora rinominata F2), alla guida della RB13 che ha superato le noie al moto generatore cinetico, responsabili martedì dell’assenza per gran parte della giornata del pilota titolare Max Verstappen.

George Russell - Mercedes - Formel 1 - Budapest - Test - 2. August 2017
Ecco la terza soluzione prevista per l’Halo, il dispositivo di protezione che la Federazione vuole a partire dal 2018. Fonte: Auto Motor Und Sport.

Grande attesa anche per l’unico italiano presente in griglia nei due giorni di test appena trascorsi: si tratta del pilota di Arzignano (VI) Luca Ghiotto, in forza al team Russian Time nel campionato di Formula 2. Il 22enne ha guadagnato una giornata a bordo della monoposto Williams grazie ad una serie di convincenti sessioni disputate al simulatore nella sede inglese di Groove: per lui è stato previsto un intenso ritmo di lavoro, ripagato a fine giornata dalla soddisfazione di aver compiuto 161 giri senza particolari intoppi all’esordio su di una monoposto di Formula 1, dopo i trascorsi nei campionati minori sempre a fianco di importanti team.

Luca Ghiotto - Williams - Formel 1 - Budapest - Test - 2. August 2017
Luca Ghiotto al volante della Williams FW-40 nella seconda giornata di test collettivi. Fonte: Auto Motor Und Sport.

Paddy Lowe, che quest’anno dirige la compagine tecnica, ha portato per l’ultima sessione di test una nuova sospensione al retrotreno della FW-40, mentre sembrerebbe sia stata rimandata l’introduzione della nuova scatola del cambio in carbonio, contrariamente a quanto sia stato affermato da varie fonti: a suggerire ciò, la tipica colorazione argentea della scatola montata ieri sulla monoposto di Groove, segno che l’alluminio rimane ancora la scelta intrapresa dagli ingegneri per la realizzazione del componente.

A chiudere la classifica Santino Ferrucci su Haas e Nobuharu Matsushita, che non hanno particolarmente stupito: il junior driver dell’accademia Honda per conto della Sauber, potrebbe essere all’ultima comparsa sulla monoposto svizzera dopo che all’indomani del GP d’Ungheria il team ha reso ufficiale il contratto siglato per la fornitura della power unit Ferrari a partire dal 2018, mettendo fine alle illazioni secondo cui in futuro si sarebbe vista una Sauber motorizzata Honda.

La classifica finale dei tempi dopo la seconda giornata di test sul circuito dell’Hungaroring. Fonte: F1.com.

 

Share Button