NewsF1 Le Gare in Numeri: anteprima Gp Brasile 2017

Ben ritrovati all’ormai consueto appuntamento con le statistiche sui GP. Oggi parliamo del Gran Premio del Brasile, teatro di grandi battaglie e di gran premi interessantissimi, e tante volte anche di duelli decisivi al fine del titolo mondiale.
In Brasile si correrà per la 45esima volta. Questa nazione ha ospitato il GP in due luoghi differenti nel corso della sua storia. 34 volte si è corso sull’ormai famosissimo circuito di Interlagos, e per  altre10 volte la F1 ha fatto tappa a Jacarepagua. Le edizioni corse a Jacarepagua sono quelle del 1978, e poi di seguito dal 1981 al 1989. Le altre restanti, come detto prima, tutte ad Interlagos.

Esaminando il circuito di Interlagos possiamo constatare che nel corso degli anni ha subito soltanto una variazione molto marcata. Il layout del circuito che inaugurò la storia del gp del Brasile (1973) era infatti più lungo, misurava 7,960 km. Il circuito odierno è così dal 1990, salvo qualche leggerissima modifica (parliamo di qualche metro in più o in meno), e misura 4,309 km, con 15 curve. Circuito dove si gira in senso antiorario, uno dei pochi, e che presenta molti saliscendi.

Parlando di storia recente, da quando il gran premio è stato spostato a fine anno, (prima si correva a inizio stagione) varie volte ha decretato la vittoria del campionato del mondo, sia piloti che costruttori. Alonso vinse qua i suoi due mondiali nel 2005 e nel 2006.  Come potremo poi dimenticare i campionati successivi del 2007 e del 2008? Con il titolo mondiale di Raikkonen (2007) ai danni del duo McLaren Hamilton – Alonso, e il titolo dello stesso Hamilton l’anno successivo proprio nei secondi conclusivi della gara. Anche nel 2009 venne assegnato qua il titolo piloti a Jenson Button, in una stagione storica per la scuderia Brawn GP. A Vettel successe invece nel 2012.  Quindi, per ben 5 volte consecutive, il titolo è stato assegnato su questo tracciato, dando allo stesso un tocco di fascino in più del solito.

 

In 44 edizioni, 24 piloti hanno vinto il gran premio del Brasile. In testa troviamo il grandissimo Alain Prost con ben 6 successi in terra brasiliana. (1982 con la Renault. 1984-1985-1987-1988 con la McLaren e nel 1990 con la Ferrari). Al secondo posto invece Michael Schumacher con 4 centri (1994 e 1995 con la Benetton, 2000 e 2002 con la Ferrari). Completa il podio Carlos Reutemann con 3 successi. ( 1977 e 1978 con la Ferrari e 1981 con la Williams) I piloti con 2 vittorie sono invece Fittipaldi, Piquet, Mansell, Senna, Hakkinen, Montoya, Massa, Webber, Vettel e N. Rosberg. A 1 troviamo invece Pace, Lauda, Laffite, Arnoux, D.Hill, J.Villeneuve, Coulthard, Fisichella, Raikkonen, Button ed Hamilton.

Un lotto di piloti è riuscito a centrare vittorie consecutive, ma non si è mai andati oltre alle 2 di seguito . I piloti che ci sono riusciti sono in ordine cronologico : Fittipaldi, Reutemann, Prost ( per due volte), M. Schumacher, Hakkinen, Montoya e N. Rosberg

 

Per quanto riguarda il costruttori invece al primo posto per vittorie troviamo la McLaren con 12 centri, seguita dalla Ferrari a quota 10, completa il podio la Williams a 6. Dietro Red Bull 4, Mercedes 3, Brabham, Renault e Benetton a quota 2. Un centro per Lotus, Ligier e Jordan.

Per quanto riguarda le vittorie consecutive nei costruttori, tre case sono riuscite a vincere più volte di seguito qua in Brasile. Per tre volte consecutive hanno vinto Mercedes (2014-2015-2016), Red Bull (2009-2010-2011) e Ferrari. La Ferrari ha centrato la tripletta consecutiva per due volte (1976-1977-1978) e (2006-2007-2008)

In questo GP non è importante come in altre piste partire in pole position, grazie appunto alla conformazione del circuito che rende i sorpassi più accessibili rispetto ad altri gran premi. Su 44 gran premi chi è partito in pole ha vinto qua 15 volte, appunto, una media notevolmente più bassa rispetto ad altri tracciati.

25 piloti diversi sono riusciti a siglare un pole. Il pilota che ne ha fatto di più è l’idolo incontrastato degli stessi brasiliani, il compianto Ayrton Senna. Suo il record di 6 pole. Altri due brasiliani seguono in seconda posizione in classifica con 3 pole, Barrichello e Massa, assieme a Hakkinen, anche lui a 3. Peterson, Hunt, Mansell, Prost, D.Hill, Vettel, Hamilton e N.Rosberg vantano due pole. A 1 invece Fittipaldi, Jarier, Laffite, Jabouille, Piquet, K. Rosberg, De Angelis, Alboreto, J.Villeneuve, M. Schumacher, Montoya, Alonso e Hulkenberg.

Sempre Senna detiene il record di pole consecutive, ben 4. (1988-1989-1990-1991). Da sottolineare anche le grandi doti in qualifica su questo circuito per Massa e Hakkinen, che siglarono le loro tre pole consecutivamente . Massa (2006-2007-2008) e Hakkinen (1998-1999-2000)

 

Nel costruttori il record di pole appartiene alla McLaren con 11. Subito dietro Williams e 10 e completa il podio la Ferrari a 7. A 4 troviamo la Lotus, 3 per Renault e Mercedes. A quota 2 la Red Bull. 1 pole per Shadow, Ligier, Brabham e Brawn GP.

La Williams è riuscita a siglare la pole per ben 6 volte di seguito! Record assoluto, dal 1992 al 1997. Altri costruttori hanno record degni di nota come la McLaren, che riuscì a siglare la pole consecutivamente 4 volte dal 1988 al 1991 . Chi ci è riuscito per tre volte di seguito invece è la Ferrari dal 2006 al 2008, la Mercedes dal 2014 al 2016 e la stessa McLaren dal 1998 al 2000.

 

Passando invece alle statistiche sui giri veloci notiamo che 26 piloti diversi hanno siglato un giro veloce in gara. Il recordman è Michael Schumacher che ci è riuscito 5 volte. Hamilton secondo con 4. Completano il podio a 3 tre piloti : Prost, Webber e Piquet. A 2 Jarier, Berger, Patrese, Hakkinen, Raikkonen e Montoya. A 1 Fittipaldi, Hulme, Regazzoni, Hunt, Reutemann, Laffite, Arnoux, Surer, Mansell, D. Hill, J. Villeneuve, R. Schumacher, Barrichello, Massa e Max Verstappen.

Chi ha fatto più giri veloci consecutivamente in gara è M. Schumacher, 3, dal 1993 al 1995.

 

Nel costruttori McLaren e Williams primeggiano a 10, seguiti a 8 dalla Ferrari. Red Bull quarta a 4, Benetton a 3, Shadow, Renault e Mercedes a 2 . Lotus, Ligier, Ensign e Brabham a 1.

Ferrari e Benetton sono le uniche che sono riuscite a siglare tre giri veloci consecutivi in gara. Ferrari 2006-2007-2008 e Benetton 1993-1994-1995.

 

Ben 50 piloti possono vantare almeno un podio nel gp del Brasile. In testa M.Schumacher con 10. Alonso a quota 8, Prost 7. Berger, Raikkonen, Massa 5. Fittipaldi, Lauda, Reutemann, Piquet, Senna, Coulthard, Hamilton, Webber e Vettel 4 podi. A 3 De Angelis, Patrese, Mansell, D.Hill, Button e N.Rosberg. Dei piloti in attività, oltre ai già citati, Verstappen ha un podio qua.

In testa nel costruttori per podi troviamo la Ferrari a quota 31. Subito dietro la McLaren a 28 e Williams a 17. Lotus 9, Red Bull 8, Benetton 7. A 6 Renault e Mercedes. Brabham, Ligier e Honda a 3. Tyrrel 2. A 1 invece Shadow, Copersugar, Arrows, March, Prost, Sauber, Honda, BMW Sauber.

 

Per quanto riguarda i km percorsi al comando il primo posto va ad Alain Prost con 1.140 km. Secondo Michael Schumacher a 1.018, terzo Reutemann a 828. Felipe Massa quarto con 789, Piquet 765, Senna 737. Continua la classifica con Montoya 620, N. Rosberg 534, Hakkinen 507. Tra i piloti ancora in attività ad aver girato in testa in Brasile troviamo 12esimo Hamilton con 418, 20esimo Raikkonen a 263, 26esimo Hulkenberg a 151, e 33esimo Alonso a 78.

 

Nei km in testa per marche invece domina la McLaren con 3.226, seguita a 2.917 dalla Ferrari. Terza la Williams a 2.428. Red Bull quarta a 1.129. Mercedes 896, Brabham 625, Lotus 459, Benetton 445, Renault 441, Ligier 315,Shadow 223, Force India 151, Stewart 99, Brawn GP 86

 

Il pilota che ha fatto più punti in Brasile è Vettel, 121. Segue Alonso a 108 , N. Rosberg 97 , M. Schumacher 94, Button 90,Hamilton 87 , Webber 83. Massa segue in classifica a 85. Dei piloti ancora attivi in griglia Raikkonen fermo a 66, Hulkenberg 36, Perez 20, Max Verstappen 17, Bottas 11, Sainz 8, Kvyat 6, Ricciardo 5, Di Resta 4, Grosjean 4 e Magnussen 2.

 

Nel costruttori invece prima la Ferrari con 367 punti seguita dalla McLaren a 335 e Red Bull a 199. Williams ferma a quota 173. Segue da vicino la Mercedes a 167.

 

Anche per oggi è tutto. Il Gp del Brasile sicuramente regalerà emozioni, specie se la gara di domenica sarà bagnata.
Un saluto a tutti! E buona F1!

a cura di Francesco Manca

 

Share Button