Netto dominio d’argento con la Ferrari in crisi. Strepitoso Leclerc ottavo

Saranno le gomme, sarà il nuovo motore, ma la sostanza non cambia: la Mercedes è tornata di un’altra categoria nelle qualifiche del GP di Francia. Lewis Hamilton ha firmato la terza pole stagionale girando in 1’30”029, siglato proprio sotto la bandiera a scacchi. Pochi secondi prima infatti, Bottas aveva messo la sua W09 davanti a quella del compagno, ma il suo 1’30”147 non è bastato per tenere dietro l’inglese. Le polemiche non mancheranno, specialmente se in gara dovesse confermarsi lo strapotere Mercedes visto a Barcellona, guarda caso proprio con le mescole a battistrada ribassato riproposte qui al Paul Ricard.

Sicuramente poco felice la giornata delle Ferrari. Sebastian Vettel è passato da un week-end di dominio puro a Montreal ad una sofferenza netta qui in terra transalpina: il tedesco non ha fatto meglio di un 1’30”400, che lo relega a quasi 4 decimi dalla pole dell’eterno rivale. Non sarà sicuramente felice di vedere che subito accanto a lui scatterà Max Verstappen, ottimo quarto con la sua Red Bull davanti al compagno di squadra Ricciardo. Ancora una volta scadente il lavoro di Kimi Raikkonen. Iceman sembra davvero non averne più ed ha commesso un altro errore nel giro decisivo della Q3, in casa Ferrari è veramente il momento di cambiare ed anche al più presto.

Settimo tempo per Sainz con la Renault, ma la perla di giornata ce l’ha regalata Charles Leclerc che ha ottenuto un clamoroso ottavo tempo. Aveva fatto un lavoro eccelso già nell’entrare nella top ten, ma nessuno si sarebbe aspettato che avrebbe messo alle sue spalle anche le Haas di Magnussen e Grosjean. Quest’ultimo si è reso protagonista di un ulteriore madornale errore, che lo ha portato a sbattere contro le barriere, non completando neanche un giro nel finale. Ciò non toglie nulla alla prestazione di Leclerc sull’Alfa Romeo Sauber. ( sbrigatevi a dare una rossa a questo ragazzo).

Nella Q2 si era assistito all’eliminazione delle Force India di Ocon e Perez ( 11° e 13°) con in mezzo l’altra Renault di Hulkenberg. Dietro questo terzetto Gasly 14° davanti ad Ericsson. In questa sessione le Mercedes e le Red Bull hanno deciso di qualificarsi con le SuperSoft per il Q3, dunque scatteranno con questa mescola in gara. Ferrari più aggressive che hanno utilizzato la UltraSoft e ne disporranno al via.

In Q1 delusione per le squadre inglesi storiche: fuori sia le Mclaren che le Williams ( ormai abbonate all’ultima fila). Alonso, fresco vincitore della 24 ore di Le Mans con la Toyota, è solo 16° davanti ad Hartley, Vandoorne, Sirotkin e Stroll.

La gara scatterà alle ore 16:10 di domani.

Foto Gallery aggiornata 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: