Verstappen e la Red Bull rifilano tre decimi ad Hamilton, mentre la Ferrari torna grande in Bahrain con il quarto posto di Leclerc ad un nulla da Bottas. Ottavo Sainz, disastro Vettel.

Max Verstappen e la Red Bull targata Honda hanno dominato le qualifiche in Bahrain, con un tempo di 1’28”997 che ha annichilito le Mercedes. L’olandese ha fatto un giro impressionante, ottenendo le migliori prestazioni in ogni settore e staccando di 388 millesimi Lewis Hamilton. Il campione del mondo è apparso piuttosto deluso alla fine della sessione, a bordo di una W12 che non è ancora all’altezza della rivale. Terzo Valtteri Bottas, ad oltre mezzo secondo dalla pole e mai in grado di dare battaglia ai primi.

La Ferrari può dirsi enormemente soddisfatta di quanto visto in pista: Charles Leclerc ha disputato un giro incredibile, piazzandosi in quarta posizione a meno di un decimo dal finlandese che fino a pochi mesi fa appariva irraggiungibile. Il monegasco ha trovato la prestazione che era mancata nel week-end proprio nel momento perfetto, cosa non accaduta a Carlos Sainz. Lo spagnolo ha commesso un errore proprio sul più bello e si schiererà in ottava piazza, davanti ad un super Fernando Alonso con l’Alpine ed alla deludente Aston Martin di Lance Stroll. Quinta una spaventosa AlphaTauri con Pierre Gasly, davanti alle McLaren di Daniel Ricciardo e Lando Norris.

Il Q1 regala subito un grande colpo di scena: Sebastian Vettel viene escluso con il diciottesimo tempo, un inizio da incubo per la sua nuova avventura dopo gli anni difficili in Ferrari. Il tedesco ha pagato a caro prezzo una bandiera gialla causata da Nikita Mazepin che si è girato alla prima curva. La stessa motivazione ha condannato all’eliminazione Esteban Ocon in sedicesima piazza, davanti a Nicholas Latifi. Penultimo Mick Schumacher che guida un’ultima fila tutta targata Haas.

Il Q2 è ancor più clamoroso del primo: l’AlphaTauri azzarda le gomme Medie e la scelta paga solo con Gasly, mentre Yuki Tsunoda paga un errore ed è solo tredicesimo. Male anche Sergio Perez che viene incredibilmente eliminato con l’undicesimo tempo, davanti ad un grande Antonio Giovinazzi sull’Alfa Romeo Racing. Quattordicesimo Kimi Raikkonen davanti a George Russell. Le Ferrari sono al comando ma partiranno con le Soft, mentre le Mercedes, Verstappen e lo stesso Gasly scatteranno con le gialle. Alle 17 di domani la partenza della gara.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: