Audi entrerà in F1 nel 2026 come fornitore di power unit per Sauber. Adam Baker, amministratore delegato di Audi Formula Racing, ha dichiarato che il costruttore prevede di competere per le vittorie entro la sua terza stagione in Formula 1.

“È un obiettivo realistico: vogliamo competere per le vittorie nel nostro terzo anno in F1”, ha dichiarato Baker.

Nonostante i cambiamenti nel regolamento sulle power unit che gli darà l’opportunità di competere con i team più importanti, Adam Baker ha ammesso che il costruttore dovrà affrontare una sfida.

“Nel 2026 inizia una nuova era regolamentare; se storicamente gli altri costruttori che sono entrati in questo sport lo hanno fatto a metà di un ciclo, per noi è diverso. Cambieranno le power unit, ma anche i telai. Per certi versi, questo può azzerare il vantaggio dei concorrenti più esperti, e facilitare i nuovi costruttori rendendoli maggiormente competitivi. In Audi abbiamo deciso con anticipo e, di conseguenza, ci siamo potuti preparare, in effetti mancano ancora 42 mesi alla nostra prima gara”.

L’uscita della Mercedes dalla Formula E è dovuta al basso numero di spettatori – Wolff

Toto Wolff, team principal per Mercedes in F1, ha dichiarato che il costruttore ha abbandonato la Formula E a causa di un’audience troppo bassa rispetto agli investimenti fatti dalla squadra.

La Mercedes ha gareggiato come factory team (in Formula E) per tre stagioni (dal 2020 al 2022), vincendo sia il campionato costruttori che quello piloti nel 2021 e nel 2022. La Mercedes si è poi ritirata alla fine della stagione 2022 quando McLaren ha rilevato la squadra in ottica 2023.

“Penso che la Formula 1 sia diventata così popolare da mettere in ombra tutto il resto”, ha detto Wolff. “Siamo davvero felici e abbiamo avuto successo nel DTM per oltre 30 anni ma siamo arrivati a un punto in cui i team ufficiali, se volevano competere, avevano bisogno di 40 o 50 milioni di euro e il ritorno sull’investimento era troppo basso. Lo stesso discorso vale per la Formula E: l’audience non era abbastanza.

Il ritorno della IndyCar al COTA dipende dalle vendite dei biglietti

Bobby Epstein, presidente del Circuit of the Americas, ha dichiarato che un eventuale ritorno della IndyCar dipenderà dalla capacità del campionato di generare un numero di biglietti sufficiente a renderlo redditizio.

Il circuito di Austin ha ospitato la IndyCar solo una volta, nel 2019. Epstein afferma che sarebbe felice di vederla tornare sul circuito, ma la IndyCar deve essere in grado di vendere un numero sufficiente di biglietti.

“È una questione di quanti biglietti si possono vendere”, ha spiegato Epstein. “Siamo un teatro o stiamo cercando di elevare uno sport? Non è nostro compito costruire la disciplina o le tifoserie. Per quanto ci piacerebbe, non è il nostro lavoro e non abbiamo il budget per farlo”.

“Sono un grande fan della IndyCar, mi piacerebbe vederli tornare qui. La condizione necessaria affinché questo accada è che i numeri funzionino”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: