Sono già tante le attese rivolte al campionato di Formula E 2019/2020, protagonista di importanti cambiamenti e novità sia dal punto di vista tecnico che sportivo, nonostante quello attuale debba ancora concludersi. Andiamo dunque ad analizzare i cambiamenti principali che sono stati decisi durante il World Motorsport Council di Parigi dello scorso mese. 

Attack Mode

Introdotto questa stagione, l’overboost di potenza della durata di 4 minuti disponibile due volte durante la gara vedrà diversi cambiamenti nel campionato di Formula E 2019/2020; l’entità del surplus di potenza sarà aumentata di 10 kW passando così dai 225 kW attuali a 235 kW e contestualmente non sarà più permesso attivare l’attack mode sotto il regime di full course yellow o in presenza della Safety Car. Le ragioni di tali modifiche stanno nel cercare di incrementare lo spettacolo aumentando da un lato il delta di potenza tra le auto che sfruttano l’attack mode e quelle che non l’hanno attivato, mentre dall’altro si costringe il pilota ad assumersi il rischio di essere superato nel momento in cui lo attiva. 

Full Course Yellow/Safety Car

Durante il regime di safety car o in presenza della full course yellow ai piloti verrà tolto 1 kW di potenza per ogni minuto trascorso. Questa decisione è stata presa per evitare che qualche pilota si avvantaggi sensibilmente nella gestione dell’energia durante queste fasi di temporanea sospensione della gara. A partire dalla prossima stagione di Formula E 2019/2020 spetterà inoltre al direttore di gara decidere se sospendere o meno lo scorrere del tempo durante l’esposizione della full course yellow, come capita attualmente in regime di bandiera rossa.

Doppio motore

Brutte notizie per la Nissan e.dams, che quest’anno aveva introdotto e messo a punto i twin motors, ovvero un particolare powertrain dual-motor. Infatti, in seguito alle tante lamentele esplicitate dai team avversari e nonostante l’omologazione da parte della FIA, dalla prossima stagione ciò sarà vietato in quanto si potrà usare un singolo powertrain.

Gen 2 fino al 2022

L’attuale generazione di vetture, la Gen2, non verrà soppiantata nel 2021/2022 dalla Gen3, ma sarà confermata ancora per quella stagione. Questa decisione è in linea per mantenere i costi entro limiti piuttosto modesti e al tempo stesso per cercare di estrarre il massimo di prestazione possibile da questa famiglia di vetture. Resta inteso però che le stesse saranno oggetto nel corso degli anni di evoluzioni sia dal punto di vista motoristico che telaistico.

Punti in qualifica

Oltre i tre punti per la pole position, durante la sessione di qualifica verrà assegnato un punto iridato aggiuntivo per ogni pilota che risulti essere il primo del proprio gruppo di qualifica.

Mercedes-Benz EQ Formula E TeamTutte queste novità saranno attuate per cercare di rendere il campionato di Formula E ancora più avvincente e imprevedibile. Queste sono state in merito le parole di soddisfazione del co-fondatore della Formula E Alberto Longo: “La prossima stagione si preannuncia essere la più eccitante e la più attesa stagione di Formula E; grazie ai cambiamenti e alle novità che abbiamo apportato, le gare hanno il potenziale per essere più imprevedibili e intense che mai. Abbiamo ancora il round finale a New York da disputare, ma io non vedo l’ora che la prossima stagione inizi.  Speriamo pertanto che l’attesa di questi mesi venga ripagata in modo adeguato da gare ancor più emozionanti il prossimo anno!