La Ferrari F1 SF21 Formula 1 quest’anno si è dimostrata delle volte forte e delle volte troppo debole. Dopo la sosta, come si comporterà la Rossa ?

Vi ricordate del romanzo dello strano caso del dottor Jekyll o il signor Hyde? Ecco, la Ferrari pare proprio questo: diverse facce della stessa medaglia. La scuderia del cavallino ha passato la prima metà della stagione a capire realmente la SF21 che a volte si è dimostrata veloce e altre volte un emblema assoluto.

Dopo aver superato le qualifiche a Monaco e Baku, il Paul Ricard è stato un test di realtà poiché nessuna delle auto è stata al passo e i piloti sono partiti inutilmente. Quello che sembrava un buon equipaggiamento in giro per quei difficili circuiti stradali, era inutile in Francia una settimana dopo.

Secondo il capo squadra Mattia Binotto, un’indagine approfondita ha individuato il problema delle gomme che non si accendevano in modo prevedibile. Rendendo la Ferrari F1 SF21 un’auto scomoda da guidare.

Binotto ha spiegato: “Su quello che è successo in Francia, abbiamo scoperto che abbiamo avuto un’usura molto alta della gomma sull’anteriore sinistro, graining e poi molta usura. Abbiamo provato di nuovo a Maranello ad avvicinarci, in termini di compiti a casa, all’esercizio del “abbiamo un problema sulla nostra vettura, in termini di concept”, che di conseguenza lo riporta all’usura delle gomme.

“Perché se guardiamo non solo alla Francia ma a tutte le gare precedenti, in media rispetto all’intera griglia, eravamo quelli che indossavano di più sull’anteriore. Quindi non è stato un singolo problema in Francia, ma la maggior parte delle gare abbiamo indossato molto sull’anteriore”.

Sessioni al simulatore e un’intensa ispezione del telaio hanno fatto luce sulla direzione da prendere per gli ingegneri, come ha rivelato Binotto: “Penso che quello che abbiamo scoperto sia che alla fine è molto semplice… Se indossi, è perché sei scorrevole, così semplice.

“E se stai scivolando, ci sono ragioni per cui potresti scivolare, e queste ragioni possono essere una semplice configurazione. Puoi perfezionare il posteriore dell’auto in frenata, avere una buona stabilità posteriore ma un’auto sottosterzante.

“Ma abbiamo spostato il nostro assetto nelle gare successive, abbiamo cercato di avere più equilibrio in termini, diciamo, da sottosterzo a sovrasterzo, abbiamo cercato di scivolare meno sull’anteriore e gestire le gomme in questo senso. E penso che qualunque cosa abbiamo fatto in quella direzione si sia rivelata la direzione giusta per far fronte all’usura delle gomme”.

La prestazione riscontrata in fabbrica sembra essere stata trasferita in pista secondo il capo squadra Ferrari: “Infatti in Austria e sicuramente in Gran Bretagna, e seguendo anche la situazione in Ungheria, abbiamo dimostrato di avere un miglioramento in termini di usura della gomma anteriore, e non sembra essere stato così critico come lo è stato in Francia”.

“Penso che siamo noi stessi che stiamo imparando un diverso tipo di equilibrio da utilizzare. Ma penso anche che sia la preparazione alla gara, che è stata molto importante per Silverstone.

Ma ciò non significa che in tutti i circuiti sia necessario rivedere il modo in cui ti stai avvicinando al tuo assetto”, ha concluso Binotto, il cui team è al terzo posto con la McLaren in classifica in vista del Gran Premio del Belgio di questo fine settimana.

Spa-Franorchamps fornirà un severo test per la Ferrari, poiché non ci sarà nessun posto dove nascondersi nel luogo sacro, dove le auto buone e veloci tendono a fare bene o vincere, ma un lusso su cui né Leclerc né il compagno di squadra Sainz possono contare. Quale Ferrari vedremo, dunque? Il dottor Jekyll o il signor Hyde?

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: