Carlos Sainz è sicuro: “Se firmi un contratto con la Ferrari, devi aver fatto qualcosa di giusto nella tua carriera. E mi sono sempre sentito apprezzato da tutte le squadre, dalla Toro Rosso alla Renault alla McLaren, anche dopo che le ho lasciate”

Carlos Sainz crede di essere bravo quanto Max Verstappen, Lando Norris e Charles Leclerc – tre dei migliori piloti di nuova generazione della Formula 1. Tuttavia lo spagnolo non è sicuro del motivo per cui la gente dubita di lui. Tutti e 3 sono stati e sono (nel caso del Monegasco) compagni di squadra di Sainz ma per qualche ragione pare che tutti siano stati visti meglio.

Verstappen è diventato col tempo una mega star ed è il pilota principale della Red Bull per il prossimo futuro. L’olandese è stato il prescelto, mentre sembrerebbe che non abbiano creduto nello spagnolo.

Norris è stato il giovane di spicco di questa stagione. La F1 sapeva che era bravo ma non così bravo. Nessuno si aspettava che il 21enne potesse far meglio del veterano Daniel Ricciardo alla McLaren come effettivamente sta facendo. L’inglese era compagno di squadra di Sainz alla McLaren.

E ora, Sainz sta vivendo il suo sogno in Ferrari insieme a Leclerc. Quest’ultimo ha un accordo a lungo termine con la squadra, mentre Sainz ha questa stagione e il 2022 per convincere Mattia Binotto a tenerlo e non cacciarlo per far posto a Mick Schumacher come promesso.

“La Ferrari è stato un nuovo inizio per me con molti punti interrogativi. Sapevo che avrei avuto a che fare con uno dei piloti più veloci in campo (Leclerc), se non il più veloce, in una macchina che Charles conosceva bene e in una squadra con cui era ben integrato. Mi chiedevo come adattarmi lì dentro. Ma dopo mezza stagione posso dire di essere contento di come affronto le sfide. La velocità c’era fin dall’inizio. Ma devo ancora lavorare per sistemare tutto per un intero weekend su base regolare. Quella coerenza e continuità che ti fa guadagnare punti”. Ammette lo spagnolo.

“Sono sempre stato in grado di adattarmi bene, sin dalla mia giovinezza. È sempre stata una sfida per me essere veloce con una macchina nuova o in un’altra categoria di corse. Fa parte del mio DNA. Questa esperienza ha aiutato anche me”

“Ho cambiato squadra in Formula 1 tre volte e so quanto sia grande questo compito. Ecco perché non l’ho sottovalutato. Ho avuto i miei minimi quando sono passato dalla Toro Rosso alla Renault e dalla Renault alla McLaren. Possono essere necessarie alcune gare per prendere confidenza con una nuova auto e ottenere il massimo da essa.

“Ora tutti hanno capito che non è così facile come sembra. Soprattutto quando guidi contro compagni di squadra che conoscono bene la squadra e la macchina”, ha spiegato Sainz, riferendosi chiaramente a personaggi come Daniel Ricciardo e Sergio Perez che anche quest’anno hanno cambiato squadra e hanno trovato il gioco più duro del previsto.

Il capo del team Binotto ha dichiarato di recente che Sainz e Leclerc sono la migliore coppia di piloti sulla griglia, nonostante la loro mancanza di esperienza vincente, guidando per una squadra che in passato ha avuto la tendenza ad attirare i campioni del mondo di F1.

Era dal 2007 che le Rosse non avevano un campione del mondo di F1 in una delle loro vetture. Quando il sostituto di Michael Schumacher, Kimi Raikkonen, si è unito a Felipe Massa, il finlandese vinse il campionato del mondo di quell’anno, l’ultimo titolo piloti per la casa di Maranello.

Dopo Kimi è arrivato Fernando Alonso la cui esperienza a Maranello è stata seguita dai sei anni di avventura in Rossa di Sebastian Vettel. Nessun titolo è arrivato in quegli anni.

Sulle parole di Binotto, Sainz aggiunge: “Siamo molto vicini e ci spingiamo a vicenda per migliorare i tempi sul giro dalla prima sessione di prove libere. So quanto sia forte Charles e questo ha alzato certamente il mio livello. E’ normale voglia batterlo.

“Ancora non mi sento di guidare con la costanza del 2019 e del 2020. Ci sono ancora alcuni punti che voglio e devo migliorare, ma se le cose vanno male per me, Charles è lì. Questo è ciò che ci rende così forti come squadra. È importante godersi il proprio lavoro. Se lavoriamo entrambi nella stessa direzione, l’atmosfera nella squadra è migliore e facciamo progressi più rapidi. Charles è un bravo ragazzo. Abbiamo gli stessi interessi e gli stessi obiettivi. Ecco perché puoi avere buone conversazioni con lui e fare sport o giocare a scacchi insieme. Non solo è veloce, ma mostra anche molto rispetto per i suoi compagni di squadra”.

In chiusura, Sainz ammette di non capire perché non sia valutato tra i top con i suoi ex compagni di squadra e chiaramente questo lo infastidisce: “Se firmi un contratto con la Ferrari, devi aver fatto qualcosa di giusto nella tua carriera. E mi sono sempre sentito apprezzato da tutte le squadre, dalla Toro Rosso alla Renault alla McLaren, anche dopo che le ho lasciate. Quando il pubblico pensa che sono nell’ombra, mi chiedo perché. Indipendentemente da chi ho guidato fino ad ora, se Max, Nico [Hulkenberg], Lando o Charles, non ho mai avuto la sensazione di essere più lento di loro o di non poter fare qualcosa che possono fare loro.

“Ho battuto tutti e li ho sempre spinti al limite. Lo vedo come un riconoscimento. Anche secondo la mia valutazione, Max, Lando e Charles sono tra i migliori piloti in campo e si godono la sfida di correre contro di loro, mi rendono un pilota migliore.

“Questo mi ha anche dato la sicurezza di poter affrontare chiunque quando sono entrato in Ferrari. Se mi integro bene nel team e setto correttamente la macchina, non devo aver paura di nessuno”, ha insistito Sainz.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: