F1 NewsFormula 1

F1 – Vasseur: “Ferrari non può avere altro obbiettivo che vincere”

F1 -Vasseur, che è entrato a far parte della Ferrari come quinto Team Principal in meno di un decennio, ha detto ai giornalisti tramite Zoom nella sua prima chiamata ai media da quando è subentrato che l’obiettivo fosse ovvio.

“Penso che quando sei una squadra di alto livello, non puoi avere altro obiettivo oltre alla vittoria. Non puoi iniziare la stagione (dicendo) ‘OK, sarò contento della seconda posizione’. Sarebbe una mancanza di ambizione e penso che abbiamo tutto per fare un buon lavoro e l’obiettivo deve essere quello di vincere di sicuro. “

La Ferrari, la squadra più longeva e di maggior successo dello sport, non vince un campionato dal titolo Costruttori nel 2008. Il loro ultimo titolo piloti è stato vinto dall’ormai ritirato Kimi Raikkonen nel 2007.

Il team ha concluso la scorsa stagione con un secondo distacco dalla Red Bull, nonostante fossero partiti alla grande con la macchina più veloce, dopo errori di strategia e di pilota, nonché problemi di affidabilità del motore.

Ha detto, tuttavia, che “sarebbe arrogante” scuotere l’organizzazione tecnica o provare a cambiare la cultura dopo appena due settimane di lavoro come sostituto di Mattia Binotto.

“Stiamo discutendo per cercare di capire come potremmo migliorare il sistema, quale potrebbe essere il punto debole e per cercare di fare un lavoro migliore”, ha spiegato. “Ma è più un miglioramento continuo che grandi passi o grandi cambiamenti che dal mio punto di vista non avrebbero senso. Mi fido dei ragazzi, e cercherò di fare il meglio anche per loro e di metterli nelle migliori condizioni per svolgere il lavoro”.

Leclerc ha corso per Vasseur alla Sauber, così come nelle categorie junior, ma il francese ha minimizzato le ipotesi che il monegasco sarebbe stato favorito.

“L’obiettivo è vincere per la Ferrari . Non ci saranno il numero uno e il numero due, ma se a un certo punto dovremo agire, agirò io. Non importa se è per l’uno o per l’altro”, ha detto.

Vasseur sarà solo il secondo francese a guidare la Ferrari, dopo che Jean Todt ha presieduto un’epoca d’oro a Maranello con il sette volte campione del mondo Michael Schumacher tra la fine degli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000.

Pur minimizzando i paragoni, oltre a scherzare sul fatto che fossero di altezza simile, Vasseur ha rivelato di essere in stretto contatto con Todt e che presto incontrerà l’ex presidente della FIA.

“Tutti i consigli sono i benvenuti”, ha aggiunto. “Lo conosco da più di 20 anni. Non è mai stato lontano da me nella mia vita professionale e penso che abbia senso per me discutere con lui”.

Lascia un commento

Formula 1 - Notizie F1, News Auto