Il campione in carica di Formula 1 Max Verstappen crede che lo sport abbia ancora bisogno del DRS, poiché senza di esso non sarebbe stato in grado di superare Leclerc nel Gran Premio dell’Arabia Saudita.

La F1 ha goduto ancora una volta di un colpo titanico per la vittoria della gara a Jeddah quando Verstappen e Leclerc si sono duellati. Il pilota della red Bull, Max Verstappen si è spostato all’interno del raggio DRS di Leclerc al 42° giro prima di sorpassare il pilota Ferrari alla curva 1 al 47° giro.

Fino a quel momento, entrambi i piloti hanno ripetutamente indietreggiato nell’avvicinarsi alla zona di rilevamento del DRS alla curva 27 per assicurarsi di avere lo strumento di sorpasso a disposizione per completare la manovra alla prima curva.

La domanda che sorge spontanea, è quanto ancora ci sia bisogno del DRS alla luce delle nuove monoposto concepite con l’obiettivo di facilitarne i sorpassi.

Tuttavia, parlando dopo la gara di Jeddah, Verstappen ha ammesso che avrebbe finito secondo senza di essa.

“Beh, se non avessi avuto il DRS oggi non sarei mai passato”, ha detto. “Penso che siamo ancora troppo sensibili per questo. E, naturalmente, alcune tracce sono più facili da superare rispetto ad altre. Ma per me al momento, se il DRS non fosse stato presente, sarei stato secondo oggi”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: