Fernando Alonso ha svolto un ruolo chiave nella vittoria finale del compagno di scuderia, facendo affidamento sulle informazioni che ha raccolto da ciò che poteva vedere sui grandi schermi a bordo pista.

La vittoria di Esteban Ocon ha suscitato clamore ma anche soddisfazione. Prima vittoria in carriera per lui in una gara d’Ungheria che qualcuno ha definito: “una gara di bowling“. Ma il francese sa quanto sia stato importante il ruolo del suo compagno di scuderia che ha fatto affidamento alle informazioni che ha raccolto da ciò che poteva vedere sui grandi schermi a bordo pista per capire cosa avrebbe dovuto fare.

Ocon ha preso il comando all’inizio del Gran Premio d’Ungheria dopo aver evitato due incidenti separati all’inizio che hanno visto coinvolti sei piloti tra cui Leclerc, Bottas e Perez. Oltre a tenere a bada Sebastian Vettel dell’Aston Martin quando la gara è iniziata, nelle fasi finali era sempre più minacciato dal pilota della Mercedes Lewis Hamilton, che alla fine è arrivato terzo.

Alonso era già stato un utile alleato per Ocon durante il primo stint di gara grazie al fatto di essere rimasto nella finestra del pitstop di Vettel per un lungo periodo di tempo nonostante avesse perso terreno all’inizio mentre era bloccato nel treno guidato dal pilota della Williams Nicholas Latifi e Yuki Tsunoda di AlphaTauri. Ciò ha dato ad Alpine una maggiore flessibilità strategica per Ocon.

Ma Alonso ha avuto un ruolo vitale dopo che Hamilton ha effettuato un pitstop al giro 47 su 70.

A quel punto Hamilton era 23 secondi dietro a Ocon ed era quinto, con Alonso il suo primo obiettivo e 15 secondi di vantaggio. Alonso lo ha tenuto indietro abbastanza a lungo da assicurarsi che il pilota della Mercedes non avesse abbastanza giri per minacciare Ocon dopo aver superato la curva 1 al giro 65, nonostante in seguito abbia rapidamente sorpassato il pilota della Ferrari Carlos Sainz.

“Sulla lotta di oggi, no, la squadra non mi ha detto nulla, ma sapevo più o meno quale fosse la situazione della gara”, ha detto lo spagnolo dopo la gara. “Stavo guardando i grandi schermi. Sapevo che Esteban e Vettel stavano lottando, erano due curve davanti a noi ea 20 giri dalla fine e con Lewis che arrivava due o tre secondi più veloce, probabilmente era abbastanza per vincere la gara. Quindi sapevo che ogni giro che potevo tenerlo dietro era oro per la vittoria di Esteban”.

Hamilton aveva impiegato solo sette giri per colmare il distacco iniziale di 15 secondi da Alonso. Durante i cinque giri prima di raggiungere il secondo Alpine, Hamilton stava guadagnando sul leader Ocon a una velocità di due secondi e mezzo al giro.

Il direttore sportivo Alan Permane ha dichiarato il ruolo di Alonso “senza dubbio cruciale” quando gli è stato chiesto del significato della sua sfida alla vittoria di Ocon. “Se lo avesse superato al primo giro, come ha superato Carlos la prima volta, sono sicuro che Lewis sarebbe stato lì”, ha continuato Permane. “Non so se lo avremmo tenuto a bada. Forse. Esteban, non dimentichiamolo, si è fermato uno degli ultimi, quindi aveva gomme molto fresche. Aveva il controllo in quell’ultimo stint, ma chi lo sa”.

“Non abbiamo molte possibilità di vincere una gara se non di circostanze molto speciali”, ha detto Alonso. “Oggi quelle circostanze c’erano e la fortuna è stata dalla nostra parte e sono così felice per la squadra, tutti i ragazzi, i meccanici, gli ingegneri, le persone nelle fabbriche – hanno lavorato molto duramente su questa macchina e anche sul progetto 2022 “

“Anche la seconda parte dell’anno si deve continuare così perché è una sensazione incredibile. Quindi sono molto, molto felice per loro. Ci sono molti grandi sorrisi sui volti di tutti, e anche su quello di Esteban. Quando sei giovane e hai successo e vinci un gran premio, sarà per sempre. Sono così felice per questo”. Ha concluso un raggiante e mai finito Fernando Alonso.

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: