Continua la grande discussione che vede protagonisti i due piloti più carismatici. La lotta a cui abbiamo assistito a Silverstone tra Hamilton e Verstappen è solo l’inizio.

Il direttore tecnico della Mercedes James Allison afferma che Lewis Hamilton non era certo obbligato a raggiungere l’apice alla Copse Corner mentre tentava di superare il rivale del titolo Max Verstappen al primo giro del Gran Premio di Gran Bretagna, nonostante questo sia stato citato come un fattore per i 10 secondi di penalità inflitti dai commissari.

I commissari della FIA, tra cui il cinque volte vincitore della 24 Ore di Le Mans Emanuele Pirro, hanno ritenuto che Hamilton fosse “principalmente in colpa” per l’incidente, che ha comportato una penalità che il pilota della Mercedes ha scontato al suo primo pitstop prima di recuperare per poi vincere.

Il loro verdetto ha sottolineato che Hamilton “era su una linea in cui aveva spazio disponibile all’interno”. Ma Allison insiste che la guida interna FIA ìnon prevede alcuna richiesta di fare l’apice quando si passa all’interno. Ha anche affermato che la guida non richiede che un’auto sia completamente a fianco affinché un tale tentativo di sorpasso sia legittimo.

james_allison

Allison ha sottolineato che la velocità della curva non dovrebbe fare alcuna differenza per il verdetto, anche se non c’è nulla nel verdetto dei commissari brevi che faccia riferimento a questo fattore.

“Certamente penso che se Copse è una curva veloce o una curva lenta non fa differenza”, ha detto Allison in un video di debriefing del Gran Premio di Gran Bretagna rilasciato dalla Mercedes. “Si tratta di quali sono le regole da fare con il sorpasso e non ho visto che Lewis ha fatto qualcosa di sbagliato rispetto a quelle regole”

“In effetti, più avanti nella gara, Lewis ha effettuato altri due sorpassi a Copse usando esattamente la stessa guida e non c’è stato un contatto in nessuno di questi casi. Alla fine per il nostro risultato non ha fatto alcuna differenza ma posso capire le persone che forse non capiscono che non hai l’obbligo di colpire l’apice della curva, che non devi avere tutta la tua macchina davanti all’altra macchina. Posso capire che se la guardi da quella prospettiva potresti pensare che l’auto che arriva da dietro abbia una sorta di obbligo di assicurarsi che non si verifichino incidenti, ma se guardi il documento del commissario penso che Lewis non abbia fatto nulla di male”,

Allison ha esposto l’argomento completo del team sul motivo per cui la Mercedes crede che Hamilton non avrebbe dovuto essere penalizzato per la collisione sulla base della guida interna della FIA.

L’incidente è avvenuto al primo giro a Silverstone, con Hamilton che ha tentato di superare Verstappen all’interno della veloce curva a destra di Copse. La ruota anteriore sinistra di Hamilton ha toccato la parte posteriore destra di Verstappen, lanciando pesantemente la Red Bull contro la barriera.

La guida interna della FIA è stata anche citata dal team principal della Mercedes Toto Wolff durante l’interruzione della bandiera rossa nelle sue comunicazioni con il direttore di gara Michael Masi.

“Eravamo preoccupati dopo l’incidente e prima della ripartenza di assicurarci che gli steward avessero letto e stessero seguendo le indicazioni interne della FIA sui diritti e gli errori del sorpasso perché per quanto ci riguarda, la manovra che ha avuto luogo, la manovra che Lewis ha fatto era assolutamente in linea con la guida al sorpasso della FIA”, ha detto Allison.

“Se sei all’interno della curva, sorpassando all’interno della curva, la guida richiede che tu sia sostanzialmente a fianco. Non è necessario che tu sia avanti, richiede che tu sia sostanzialmente a fianco quando arrivi all’angolo. Lewis era decisamente a fianco, aveva il suo assale anteriore ben oltre il punto medio della macchina di Verstappen”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: