Fiat ha presentato le due versioni di Fiat Panda e Fiat 500 in versione ibrida, ma è il classico ed ennesimo colpo di genio all’italiana.

È notizia recente che Fiat ha presentato due nuove versioni di due modelli ben noti: Fiat Panda e Fiat 500 in versione ibrida. Ma è realmente così? Dalle notizie in nostro possesso, ci sono alcuni dettagli che ci fanno capire come questa bomba di Fiat, sia molto probabilmente riconducibile al classico colpo all’italiana.

Auto elettriche

“Un colpo all’italiana”, ai molti noto come “The Italian job”, è un film del 1969 nel quale dopo un colpo a Torino (ai danni della Fiat!), una banda di rapinatori semina la polizia a bordo di 3 Mini Cooper. Tralasciando il remake del 2003, oggi, Fiat, sembra restituire il colpo con una storiella che sa un po’ di truffa…o furbata.

È noto, nel mondo dell’automobile, che Fiat non abbia investito praticamente nulla nella ricerca e sviluppo della tecnologia ibrida. Questo è infatti uno dei motivi principali per cui è nato il gruppo FCA-PSA. Malgrado ciò, all’inizio del 2020, sono state presentati addirittura due modelli ibridi, che in realtà sono però mild hybrid.

La tecnologia mild hybrid definisce gli ibridi leggeri, ovvero quelli dotati di un motore elettrico non propriamente performante e autonomo, ma che assiste in varie fasi il motore a combustione. È insomma una “poco ibrida”.

Fiat Panda e 500 quindi saranno dotate di un motore da 12V in grado di immagazzinare energia in una batteria da 11 A. Questa batteria aiuterà il motore a benzina in fase di accelerazione con una spinta davvero modesta.

Quando ci saranno i blocchi del traffico, sappiate che se avrete una normalissima Panda a benzina dovrete stare a casa, mentre il vostro vicino, con una Panda ibrida che consuma praticamente come la vostra, potrà andare dove vuole. Alla faccia delle recenti polemiche del blocco degli Euro 6 a Roma.

Fiat 500 elettrica

Direi che ci sono sufficienti indizi per affermare che Fiat Panda e 500 Ibride non siano poi così ibride. Inoltre il prezzo 10.900€ è un’ulteriore conferma di come abbiano trovato un cavillo per rendere e vendere una strana ibrida. Le ibride, quelle vere, hanno costi decisamente diversi e ben più elevati. Come riferimento, la Mazda 2 M Hybrid (e non dichiarata ibrida, ma “mild hybrid”!) parte da un listino base di oltre 17.000€.

Non ci sono leggi europee e blocchi del traffico che reggano questa mossa di Fiat. Come vi dicevo, questo è un classico colpo all’italiana.

A proposito dell'autore

Sono cresciuto a pane e Formula 1. Le auto sono la mia passione e scrivere articoli mi permette di condividerla con tutti voi. Twitter @ivan_morepower

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: