Max Verstappen e la Red Bull sono stati i protagonisti dei test del Bahrain, in cui hanno lanciato la sfida a Lewis Hamilton e una Mercedes in difficoltà. Molto bene anche Mclaren e Fernando Alonso, Ferrari rimandata, Aston Martin bocciata.

LA RED BULL PUO PORRE FINE AL DOMINIO DELLA MERCEDES? 

Nel dominio del Team di Milton Keynes nei test del Bahrain, oltre ad un Verstappen scatenato il più veloce in due turni su tre che si è preso di forza il ruolo di favorito della prima gara del mondiale, Sergio Perez che ha già trovato il feeling con la RB16 B, c’è lo zampino di Adrian Newey. Se l’anno scorso è stato beffato da James Allison  sul Das, quest’anno ha interpretato meglio di tutti il nuovo regolamento, e la Red Bull non solo ha chiuso il gap dalla Mercedes, ma sembra averla superata.

Nessuno fino a Giovedì fa si aspettava di vedere una W12 con problemi, d’affidabilità, e che Hamilton non sarebbe riuscito a fare un giro pulito. Un po’ meglio Bottas soprattutto nel long run di Sabato. che ha riportato il sorriso ad un preoccupato Toto Wolff. Attenzione però a dare per spacciati i campioni del mondo, che già nel 2017 e 2018 si sono trovati costretti ad inseguire ad inizio stagione, per poi ribaltare la situazione.

FERRARI: BENE MA NON BENISSIMO

Difficile interpretare i test della Scuderia di Maranello, La pista ha detto che grazie alla nuova power unit sul giro secco, sarà più competitiva del 2020, ma non ancora sul passo e l’unico stint buono è stato quello di Domenica di Carlos Sainz. Invece ostentano tranquillità Mattia Binotto ma soprattutto Charles Leclerc che oggi ha dichiarato di non aver mai cercato la prestazione. Bluff o verità? Fra due settimane la sentenza.

GLI ALTRI

Strappa un’ampia sufficienza la Mclaren che con il motore Mercedes ha fatto un’ulteriore step. Promosso anche Fernando Alonso che come dimostra il sorpasso di ieri al suo vecchio rivale Hamilton è tornato a lasciare il segno. Si candidano al ruolo di sorprese Alpha Tauri e Alfa Romeo, test da dimenticare per l’Aston Martin e Sebastian Vettel, progressi per la Williams mentre nonostante il buon esordio di Mick Schumacher la Haas si è confermata l’ultima forza del campionato.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: