L’ex pilota Ferrari e McLaren Gerhard Berger ha difeso Seb e pensa che il tedesco abbia ancora molto da dare, nonostante l’ascesa del compagno di squadra.

La stagione 2020 potrebbe essere fondamentale per quanto riguarda il proseguimento della carriera in Ferrari di Sebastian Vettel. Il campionato da poco terminato non è stato di certo positivo per il tedesco, nettamente battuto in classifica piloti da Charles Leclerc che ha ottenuto anche un maggior numero di pole ed una vittoria in più rispetto al quattro volte campione del mondo. Non era proprio quello che ci si aspettava dal tedesco, considerando soprattutto che il giovane monegasco era alla prima annata con il Cavallino. Sull’argomento è intervenuto Gerhard Berger, ex pilota della rossa che ha voluto dare fiducia a Seb nonostante l’ascesa del giovane Leclerc. Sentiamo cosa ha detto l’austriaco ad Auto Motor und Sport.

Non sappiamo se per lui sarà un anno decisivo onestamente. Sarà la sua ultima stagione e poi andrà a casa? Vuole battere Leclerc? Sappiamo che Charles è un pilota difficile da battere, ma anche contro gli altri non sarà facile e quando guidi per Ferrari, Mercedes e Red Bull devi mettere in conto che la concorrenza è piuttosto agguerrita. Sebastian è sempre rimasto in squadre forti e spesso ti trovi ad affrontare dei veri e propri animali da gara quando ti ritrovi nei team più competitivi. Quando io ero alla McLaren ho incontrato Senna. Da questo non puoi fuggire”.

Berger è poi tornato per un attimo sul 2019: ”Nell’ultima parte della scorsa stagione Vettel ha dimostrato di poter battere Leclerc molto bene. Non ci sono dubbi che Charles abbia un futuro splendente davanti a sè, mentre Sebastian è nella fase finale della sua carriera. Va però detto che ha tantissima esperienza e non a caso corre in Ferrari da cinque stagioni ed ha vinto quattro mondiali. Sarà un duello interessante, ma non oso fare pronostici perchè non ho idea di come potrebbe finire”.

 

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: