Verstappen si trovava in seconda posizione quando ha iniziato a lamentarsi col team del suo volante, che girava da solo a sinistra.

Come abbiamo potuto notare dai Team Radio, Max Verstappen, nel corso del GP Turco, ha patito un problema al volante della sua RB16B. Per fortuna per lui, questo problema non ha determinato la sua posizione in gara (secondo), ma non gli ha permesso di poter esprimere il vero potenziale della sua vettura.
Tra l’altro, il problema al volante non è stato l’unico: infatti, prima di schierarsi in griglia, ha incontrato dei fastidi al cambio, anche se non critici.
Benché la schiacciante vittoria di Valtteri Bottas, Max Verstappen – con il suo secondo posto – è riuscito a sopravanzare in classifica il suo diretto concorrente Hamilton, arrivato solo quinto al termine del GP.

Verstappen

“Non avevo il ritmo per combattere Valtteri”

Lo sterzo girava un po’ a sinistra, ovviamente le gomme si consumano di più, quindi hai una vettura un po’ irregolare, e l’ho sentito già dall’inizio della gara. Questo non ha limitato le mie prestazioni, ma è sempre meglio dirlo, piuttosto che non dire niente.

“All’inizio ho solo cercato di stare dietro Valtteri ma, ovviamente, dovevamo gestire anche le gomme quindi ho rallentato un po’, e ad un certo punto abbiamo iniziato a riprendere il ritmo, anche perché la pista si stava man mano asciugando.” ha aggiunto Max.

Ma non c’era nessun punto in cui avrei potuto attaccare Valtteri, lui stava semplicemente gestendo la sua gara, anche molto bene, e si prendeva cura delle sue gomme e avevo Charles abbastanza vicino a me nel primo stint. Aveva anche un ottimo passo.

“A un certo punto mi sono detto che le gomme erano abbastanza buone, come se fossero diventate delle slick. Ma, a venti giri dalla fine, abbiamo preferito rientrare ai box – aggiunge Verstappen – così da evitare qualunque rischio e da portare la macchina al traguardo.

Comunque, non avevo il ritmo per combattere Valtteri, quindi non c’era nemmeno bisogno di cercare di stare entro due, tre decimi, per cercare di seguirlo. Bastava risparmiare le gomme fino alla fine”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: