Nuovi problemi in casa Ferrari, Mattia Binotto e Simone Resta avrebbero avuto nelle ultime settimane delle divergenze, creando una spaccatura nella squadra.

A due mesi dalla fine del mondiale il clima in casa Ferrari si fa sempre più pesante, e dopo l’ennesimo round a distanza con Sebastian Vettel, Mattia Binotto è alle prese con il caso Simone Resta. Infatti fra i due ci sarebbe stato uno scontro, che complica i piani di riscatto della Rossa nel 2021.

Ferrari Binotto Red Bull

Già alcune settimane fa, erano usciti alcuni rumors su idee dell’ex Sauber, che sono state accantonate. In particolare il musetto stile Renault, è stato bocciato al simulatore e non è stato portato in pista, a differenza di altri sviluppi.

Si pensava che questa scelta fosse dipesa da una decisione di tutta la Ferrari, e per questo motivo ci si stesse concentrando su altre aree. A Sochi e al Nurburgring si sono novità sulle ali, fondo e barge board dellla SF1000, e Binotto negli ultimi Gran Premi, ha dichiarato che il motore 2021 sta già dando buoni riscontri al banco.

Invece sembrano esserci in corso nuovi problemi interni alla Scuderia di Maranello. A dare quest’indiscrezione nel corso del podcast F1 Talk, il direttore di Autosprint, Alberto Sabbatini. Dicono che ci sia attrito tra Binotto e Resta, abbiamo visto la comparsa di queste crepe nella squadra diversi anni fa. La differenza era che allora succedeva quando tutto andava bene”.

Bisognerà verificare nelle prossime settimane, come si muoveranno il presidente John Elkann e l’amministratore Louis Camilleri, nel caso questa notizia troverà riscontro. Negli scorsi mesi hanno sempre respinto qualsiasi ipotesi di rivoluzione in Ferrari, ma di fronte ad una spaccatura potrebbero cambiare idea.

Già per il blocco sviluppo deciso dalla Fia per il Covid 19, le modifiche da poter effettuare sulla SF1000 saranno poche, ma se c’è questo clima il rischio è quello di ripetere lo stesso campionato di quest’anno. Proprio per tale motivo è auspicabile un intervento deciso di John Elkann, perchè la Ferrari non può permettersi un inverno stile 2018, quando soltanto ad inizio 2019 ci fu l’avvicendamento fra Maurizio Arrivabene e Mattia Binotto.

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: