Carlos Sainz come Charles Leclerc è pronto ad aspettare la Ferrari nel 2022 per lottare per il titolo, e crede che le altre squadre stiano sottovalutando la capacità di uscire dalle crisi della Scuderia di Maranello.

Ad Autosport Sainz ha rivelato, quanto le critiche ricevute durante il mondiale 2020 per aver deciso di lasciare la Mclaren per diventare un pilota Ferrari gli abbiano dato fastidio, ed è convinto che in tanti diano troppo per scontato che la SF21 non sarà competitiva come la SF1000.

Sainz

“Certamente è stato un po ‘fastidioso, perché tutti stavano insinuando che anche la Ferrari sarebbe andata così male nel 2021, e non si sa mai in Formula 1 ovviamente ha fatto un passo indietro nel 2020, e sono stati i primi ad ammetterlo e ad essere molto autocritici”.

Sainz come Mattia Binotto crede che ci vorrà un altro anno di pazienza affinché la Ferrari torni a lottare per il titolo. Ma la gente era semplicemente convinta che anche il 2021 sarebbe stato una lotta.  Penso che con un accordo biennale con la Ferrari e il 2022 che rappresenta un enorme cambiamento nel regolamento, il 2021 è molto meno importante di quello che pensano le persone”.

Però lo spagnolo non è disposto ad alzare già bandiera bianca sul mondiale 2021, ed è convinto che in molti stanno sottovalutando le capacità di reazione della Ferrari. Anche se la Ferrari cambia forma e il 2021 è fantastico, non si sa mai. Le persone stavano già insinuando che il 2020 era terribile e che andare nel 2021 sarà altrettanto terribile”.

Infine Sainz spiega quanto è stato difficile mantenere la calma, quando con la Mclaren otteneva ottimi risultati e gli veniva chiesto se era pentito di aver scelto la Ferrari. Era fastidioso in quel momento, ma ho tenuto la testa fredda. Non ho mai detto qualcosa o qualcosa di cui mi pento. Immagino di essere felice per questo.”

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: