Max Verstappen crede di essere stato trattato in modo diverso dagli altri piloti, incluso Lewis Hamilton, dopo aver ricevuto due penalità nel controverso Gran Premio dell’Arabia Saudita dello scorso fine settimana. L’Olandese crede che altri piloti abbiano commesso mosse identiche per la sua difesa fuori pista senza raccogliere sanzioni.

Il pilota della Red Bull è stato penalizzato di cinque secondi per aver guadagnato un vantaggio fuori pista mentre lottava per il comando con Lewis Hamilton. Successivamente è stato ulteriormente penalizzato di 10 secondi per la brusca frenata davanti al pilota della Mercedes, provocando uno scontro tra i due. Hamilton ha accusato il suo rivale di aver eseguito una “prova dei freni”.

Verstappen, tuttavia, crede che altri piloti abbiano commesso mosse identiche per la sua difesa fuori pista senza raccogliere sanzioni.

“Chiaramente le cose non valgono per tutti perché le cose che ho fatto in termini di difesa di altri due ragazzi, in termini di corse, lo hanno fatto e non hanno nemmeno ricevuto una menzione o una penalità”, ha detto. “Quindi non capisco perché pensavo di stare solo correndo forte. Quello che è successo, per me, non ha meritato nessuna penalità e chiaramente le altre due persone che l’hanno fatto non ne hanno avuta una. Chiaramente sono solo io che lo capisco.”

Il pilota della Red Bull ha insistito sul fatto che non meritava sanzioni per nessuno dei due incidenti. “Per me non ho sbagliato. Chiaramente solo io in qualche modo sbagliavo, come ho detto, mentre altre persone fanno esattamente la stessa cosa non ottenendo nulla. Eravamo entrambi fuori pista, eravamo fuori dalla linea bianca alla prima curva. In qualche modo hanno ritenuto che fosse colpa mia, cosa con cui non sono d’accordo.

“E poi anche sull’altra penalità non sono d’accordo”.

Verstappen crede che Hamilton avrebbe dovuto essere penalizzato più severamente per averlo costretto a uscire largo a un certo punto durante la gara.

“Fondamentalmente dopo mi spinge fuori pista, mi guarda persino e non si gira e mi spinge fuori dalla linea bianca a bordo pista e riceve solo un avvertimento per questo. Sicuramente non è come dovrebbe essere e non è giusto perché sembra che altri piloti possano fare cose diverse”.

Il pilota della Red Bull, nonostante ciò, non ha intenzione di cambiare il suo approccio alle corse perché crede che gli altri piloti la facciano franca con mosse per le quali lui è penalizzato.

“L’unica cosa che chiedo è che sia giusto per tutti”, ha detto. “Chiaramente non è così al momento.

“Ma come ho detto non mi sento sbagliato, quindi perché dovrei cambiare quando per gli altri è permesso correre così? Penso che a tutti dovrebbe essere permesso di correre in questo modo”.

In vista del Gran Premio di Abu Dhabi di questo fine settimana, il direttore di gara della F1 Michael Masi ha ricordato ai piloti che gli steward hanno il potere di confiscare punti per violazioni dell’etica delle corse.

Alla domanda se intende congratularsi con il suo rivale se Hamilton vincesse il campionato, Verstappen ha detto: “Se tutto è giusto, di sicuro”.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: