In un mese di giugno critico per il mercato italiano delle auto nuove si registra la caduta libera del diesel, mentre salgono i volumi di vendita delle auto a benzina. Bene anche le ibride, ma il vero boom lo registrano le auto elettriche.

L’ecobonus inizia a dare i suoi frutti, come sottolineato dal presidente dell’Anfia, Paolo Scudieri e i volumi di vendita delle auto elettriche decollano. Con una quota mercato del 0,8%, sono state vendute 1456 unità EV. Un dato triplicato rispetto a giugno 2018, considerando anche i risultati del primo semestre del 2019 (5000 unità vendute, più del doppio rispetto allo scorso anno).

Ottimi risultati anche per le auto ibride: +18% a giugno e +31% nei primi sei mesi del 2019, con una quota mensile del 5,5%. Mentre il diesel cola a picco con un -22,6%, il gpl incrementa la sua posizione sul mercato. Le auto a gas costituiscono il 9% del mercato (6,9% per il gpl, 2,1% per il metano). Le automobili ad alimentazione alternativa rappresentano complessivamente il 15,3% del mercato di giugno, la quota più alta da agosto 2018 e sono in costante crescita del 5%.

Chi sale e chi scende

A giugno la Fiat chiude con un altro pesante -17,19%, mentre Alfa Romeo addirittura con un -30,03%. La Lancia Ypsilon, invece, continua a spopolare con un +8,75%; mentre Jeep segna un +9,05%. Tra i marchi più virtuosi, boom della Suzuki +52,88%, seguita dalla Dacia, +48,79%.

La Tesla, grazie al successo della Model 3, balza del 528% (da 75 a 471 unità vendute). Male Smart a -24,37%, Nissan a -18,70% e Ford a -15,35%. Nell’intero semestre 2019 la migliore è risultata la Dacia con +41,96%, seguita da Lancia con +27,70%, poi Seat +17% e Suzuki +15,34%. Allarmanti i cali di Alfa Romeo (-47,2%), Nissan (-25,71%) e Fiat (-14,89%).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: