Se Jean Todt non fosse stato a capo della Ferrari nei suoi anni d’oro probabilmente Schumi non sarebbe diventato quello che è, ne la Scuderia sarebbe stata la stessa.

Le cose sarebbero potute andare in maniera completamente diversa, se non fosse stato per il supporto di Schumi Jean sarebbe stato licenziato in tronco.


“È stato durante la stagione 1996, dopo alcuni ritiri, che ho sentito pressioni perché me ne andassi”, spiega Todt, 74 anni.

“Ma Michael ha detto ‘se Jean se ne va, me ne vado’. Non volevano che se ne andasse. A loro importava molto meno di me, ma Michael ha chiarito i suoi commenti, quindi sono rimasto “.

Ricordando l’inizio di questa splendida storia che ha dell”incredibile Jean ha spiegato :
“Ero molto sorpreso che la Ferrari mi volesse, hanno sempre avuto un leader italiano.

“Ero in un’azienda in cui stavo progredendo e sapevo di avere un futuro a lungo termine. Era un anche un rischio andare alla Ferrari e il potenziale di essere licenziato dopo soli due anni era davvero alto”
Se però il caro Jean non avesse rischiato probabilmente non sarebbe diventato il team principal più decorato della Storia del Cavallino e, possiamo ben dirlo, non avrebbe scritto la Storia, quella con la S maiuscola.

“Il mio primo vero incontro per discutere il contratto è stato alla fine di luglio 1995 in un hotel di Monte Carlo”, dice. “Ero lì con l’avvocato della Ferrari Henry Peter, il manager di Michael Willi Weber e Michael.

“Abbiamo dovuto continuare a traslocare perché l’albergo era pieno. Alla fine, siamo finiti nell’appartamento di Michael ed è lì che abbiamo firmato l’accordo per il suo ingresso in Ferrari nel 1996 “.

  • Ferrari 1996


E poi finalmente arriva: quello che tutti i piloti aspettano, la Grande Incoronazione, quella a Campione del Mondo, dopo 21 anni di astinenza ritorna alla Scuderia Rossa. In Giappone, con Michael e Jean.

“Ho detto a Michael che le nostre vite non sarebbero più state le stesse”, dice Todt. “È stato il momento più importante della mia carriera alla Ferrari. Eravamo così ansiosi di continuare ad avere successo che ci siamo concentrati molto rapidamente. Volevamo vincere di più. “



“Michael era molto talentuoso, molto impegnato, ma amava essere vicino alla squadra”, ha aggiunto Todt.

“Giocava a calcio con loro, li invitava per la pizza, era amato perché era normale. E tutto quello che è successo negli anni ha creato con me una forte amicizia che durerà per sempre e oltre il tempo trascorso insieme alla Ferrari “.

Mentre la Ferrari di oggi ha festeggiato il 1000esimo GP in uno dei modi peggiori che si potesse immaginare Jew ha detto:

“Ho i miei sentimenti privati ​​su ciò che sta accadendo, ma è qualcosa su cui non posso renderlo pubblico”, conclude. “Rispetto il livello della squadra che hanno, e rispetto quanto sia difficile essere competitivi.


A proposito dell'autore

Post correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: