F1 Hamilton – Ancora una volta il super consulente della Red Bull, Helmut Marko, ha voluto lasciare il segno con una delle sue dichiarazioni sibilline.

Qualche giorno fa, intervistato da Sky Sports riguardo il doppiaggio di Verstappen ai danni di Hamilton, Marko ha risposto sostenendo, con una sottile ma evidente punta d’ironia, che Lewis avrebbe dovuto prendere in considerazione l’idea di ritirarsi dal mondo della Formula 1 al termine del 2021, viste soprattutto le prestazioni che l’attuale W13 è in grado di fornire.

hamilton
F1 Hamilton



“Lavorando al mio capolavoro, sarò io a decidere quando sarà finito”, ha risposto piccato sui social il sette volte campione del mondo, mostrando a tutti come la sua voglia di farsi da parte sia ancora ben lontana.
Allo stesso Verstappen è stata posta la domanda sul doppiaggio di quello che è stato il suo acerrimo rivale durante il 2021, alla quale Max ha dato questa risposta:

“Voglio dire, sono stati lenti tutto l’anno [ Mercedes ], quindi non è davvero una sorpresa e non mi sento felice di doppiare Lewis rispetto a chiunque altro, ma è quello che è”.
A parlare delle enormi difficoltà di Mercedes ci ha pensato, ovviamente, il Team Principal della Freccia d’Argento,

Toto Wolff. L’austriaco si è reso protagonista di un team radio al termine del Gran Premio di Imola durante il quale si è direttamente scusato con Hamilton per le scarse prestazioni della W13, quasi a consolare il pluricampione britannico. Campione che è stato sonoramente battuto dall’altro britannico, George Russell, classe ’98, in grado di portare la Mercedes fino ai piedi del podio.
“Abbiamo visto con George come l’auto può performare se guidata in aria pulita”, ha detto Wolff ai microfoni di Sky Sports. “Ma non siamo abbastanza forti per poterci confermare campioni del mondo, attualmente. Dobbiamo sistemare la macchina. Ho chiesto scusa a Lewis per l’auto che deve guidare. Vedremo le cose per Miami: possiamo fare un passo in avanti per quanto riguarda la comprensione della vettura”.

Riguardo il confronto col sette volte iridato ha parlato anche il diretto interessato, George Russell:
“La macchina non è al livello che vorremmo. È difficile essere costanti. Lewis ha il ritmo, è incredibilmente veloce. Per noi è difficile, le gomme non sono state nella giusta finestra. Lewis è stato molto veloce, c’è stato un piccolo errore questo fine settimana, ma tornerà più forte. Il modo in cui motiva la squadra è stimolante. Vuole sempre di più”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: