Ferrari F1 – Il prossimo appuntamento del mondiale 2022 di Formula 1 si svolgerà nella bellissima Miami. Protagonisti di questa quinta tappa saranno gli aggiornamenti che i team cominceranno a portare per aumentare il gap con gli avversari.

In particolare Ferrari ha affermato che le modifiche pianificate per il Gran Premio di Miami ruoteranno principalmente attorno a una soluzione a basso carico aerodinamico, con un pacchetto di aggiornamento più ampio per la F1-75 che arriverà solo più tardi.

Il team di base ha avuto un buon inizio della stagione 2022, vincendo due delle prime quattro gare mentre si prepara a un’intensa lotta con la Red Bull. Ma l’entità della sfida che deve affrontare è stata chiarita durante il Gran Premio dell’Emilia Romagna lo scorso fine settimana quando una Red Bull migliorata ha aiutato la squadra a dominare, con Max Verstappen e Sergio Perez che hanno portato a casa un 1-2, proprio a casa della rossa.

Sebbene la Ferrari abbia finora scelto di non apportare grandi sviluppi alla sua vettura di F1, afferma che non c’è ancora fretta di farlo, con la scelta di modificare semplicemente la configurazione del carico aerodinamico per l’evento di Miami della prossima settimana. I lunghi rettilinei di Miami costringeranno i team a correre con una specifica di carico aerodinamico inferiore, con una grande enfasi sulla velocità massima sui rettilinei.

Ferrari F1 Binotto
ferrari f1 binotto

Il team principal della Ferrari Mattia Binotto è consapevole che la sua squadra deve fornire una tale configurazione ora.

Alla domanda se ci saranno aggiornamenti importanti in arrivo per Miami, ha detto: “No , non avremo il principale aggiornamento a Miami. Tuttavia, avremo alcune nuove parti sull’auto. Poiché Miami è un circuito ad alta velocità rispetto a quelli che abbiamo avuto finora, in termini di carico aerodinamico, correremo con qualcosa di diverso rispetto a quello che abbiamo.

Speriamo che il livello di carico sia abbastanza efficiente. Ma sappiamo anche che la Red Bull ne possiede anche uno molto competitivo. Sarà una pista completamente nuova e una nuova sfida, piuttosto interessante, e sono piuttosto curioso di esserci”.

Binotto ha anche suggerito che la squadra continuerà ad apportare modifiche per appianare i problemi di focolaio di cui soffre ancora.

“Stiamo ancora lavorando sulla focena (porpoising) che come si può vedere è abbastanza visibile”, ha detto. “Ce l’abbiamo, sicuramente più della Red Bull, e lì dentro c’è anche del potenziale di prestazioni che dobbiamo cercare di ottenere”.

All’inizio della stagione la Ferrari era migliore in accelerazione e nelle curve a bassa/media velocità, mentre la Red Bull era in vantaggio nelle curve ad alta velocità e in fondo ai rettilinei. Binotto pensa che ci sia stata una certa convergenza sulle caratteristiche, tuttavia, con la Red Bull che ha aggiunto più carico aerodinamico per evitare di perdere così tanto in curva.

Riflettendo sulle differenze, Binotto ha detto:

“Se guardo a Jeddah, sicuramente erano molto più veloci. Se guardo al Bahrain, l’effetto DRS è stato sicuramente potente e il modo in cui ci stavano prendendo sul rettilineo è stato significativo. Ma poi se guardo all’Australia, penso che abbiano messo un po’ di carico aerodinamico e la velocità fosse molto simile tra le due vetture.

Sappiamo che possiamo migliorare le nostre vele per renderle più efficienti, ma non mi aspetto che sia un problema per alcuni circuiti. Noi, come Ferrari, avremo sicuramente nuove ali per un carico aerodinamico medio-basso nelle prossime gare quando sarà necessario. Il fatto che possiamo avere diverse soluzioni è grandiso, diversi set-up, scelte, rende solo la gara più spettacolare”.

Nel frattempo un nuovo fondo stato provato durante i test di gomme 2023 ad Imola, e sembrerebbe essere molto simile a quello portato da Red Bull e potrebbe includere anche il nuovo diffusore che non è stato usato ad Imola :

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: