Notizie F1

F1 – Ferrari, fissata dalla Fia la data per discutere della penalità di Sainz

F1 – C’è una data precisa: martedì 18 aprile. Sarà allora che la Ferrari potrà tornare a sperare nel fatto che la penalità di cinque secondi inflitta a Carlos Sainz dopo il Gp d’Australia per una collisione con l’Aston Martin di Alonso sia revocata. “Il contrasto tra i due spagnoli- sottolinea Autosport – è stato uno dei numerosi incidenti che si sono verificati alla ripartenza e che hanno portato alla terza bandiera rossa della gara”.

La penalità è stata inflitta al ferrarista prima della ripresa della corsa per un solo giro alle spalle della safety car. Lo spagnolo è così precipitato dal quarto posto al dodicesimo uscendo quindi dalla zona punti. Sainz e Vasseur si erano detti da subito contrariati perché la penalità era stata inflitta senza sentire la versione dei due piloti coinvolti nella collisione.

E così, sottolinea “Autosport”, “il team ha avviato il processo di diritto di revisione nel tentativo di ottenere la revoca della sanzione”. La Ferrari dovrà però dimostrare di avere in mano elementi di rilievo in grado di portare alla revisione del giudizio. Elementi che non erano in possesso dei commissari al momento del comminamento della penalizzazione.

“I commissari del Gran Premio d’Australia- prosegue “Autosport”- hanno ricevuto una lettera da Nikolas Tombazis, direttore monoposto della Fia , allegando una petizione del concorrente Scuderia Ferrari datata 6 aprile 2023 ai sensi dell’articolo 14 del Codice sportivo internazionale della Fia che chiede una revisione della decisione numero 46 dei commissari presa nel quadro del Gran Premio d’Australia 2023″. Si chiede con essa che i commissari determinino se esistano nuovi elementi in grado di fare rivedere la decisione.

Nel caso in cui Sainz arrivasse quarto, i piloti alle sue spalle ovvero Stroll, Perez, Norris, Hulkenberg, Piastri, Zhou e Tsunoda scalerebbero di una posizione e perderebbero dei punti. “Prima- afferma Frederic Vasseur – daranno un’occhiata alla nostra petizione per vedere se possano riaprire il caso, poi avremo una seconda udienza un po’ più tardi con gli steward, gli stessi o quelli della prossima riunione, sulla decisione stessa. Quello che possiamo aspettarci è almeno di avere con loro una discussione aperta”.

Insomma , tutto si può riaprire. E Sainz potrebbe avere indietro i suoi punti. Non resta che attendere.

Lascia un commento