La faccia di Carlos Sainz sul secondo gradino del podio di F1 mentre suonavano gli inni diceva tutto: profondamente contemplativo e un cipiglio di preoccupazione.

Sì, era secondo, e sì, la Ferrari ha promesso di regalargli una stagione molto fruttuosa. Ma in nessuna fase del fine settimana è stato abbastanza al passo del compagno di squadra Charles Leclerc.

Il distacco che li separa non riguarda tanto i numeri (si è qualificato solo 0,126 secondi più lento), tanto quanto lontano si sentiva nell’estrarre tutto dalla macchina.

“Sarò onesto, è stato il weekend più difficile della mia carriera in Ferrari”, ha detto infatti subito dopo la gara lo spagnolo. Sa che è un brutto momento per essere improvvisamente superato da Leclerc, proprio nel momento in cui è finalmente su un’auto in lotta per il titolo alla sua ottava stagione di F1.

Avendo gareggiato a pari condizioni con compagni di squadra di qualità per tutta la sua carriera in F1, inclusi Max Verstappen, Lando Norris e Leclerc, in vetture che non erano potenziali vincitori di gara, ora non è il momento di perdere quel filo.

L’ombra e il pensiero di voler essere il Rosberg di turno e non un Bottas qualsiasi nei confronti di Hamilton, si fanno sempre più pesanti.

I primi segnali delle sue difficoltà sono arrivati ​​nelle prove libere del venerdì, quando era molto lontano.

“In FP1, FP2 e FP3 ero molto indietro”, ha ammesso, “il temlo più lontano in cui sia mai stato in Ferrari ed è per questo che anche con un 1-2 che abbiamo segnato non sono del tutto contento del weekend.

Dimostra solo che devo abbassare la testa, capire questa macchina, capire dove sta Charles che fa la differenza con la sua guida e il modo in cui si avvicina alle curve e guida le gomme”.

Sainz ci ha lavorato e la sua prestazione in qualifica è stata l’elemento più forte del suo weekend.

Ferrari F1
Ferrari F1

A 0,126 secondi da Leclerc, ha mancato di unirsi a lui in prima fila per tre millesimi.

Nelle discussioni tra di loro prima della gara su come gestire al meglio Verstappen, c’è stato un momento in cui si sono resi conto che era una posizione fantastica in cui trovarsi.

“Prima della gara, io e Charles stavamo lavorando insieme e la prima cosa che abbiamo detto l’un l’altro è quanto ci si sente bene, solo per iniziare primo e terzo e finalmente combattere per qualcosa di più grande, e insieme.

E abbiamo avuto quel momento in cui ci siamo resi conto che siamo in lotta quest’anno, ed è stato… tra noi un buon momento per riflettere”.

Il giorno della gara il confronto tra le due Ferrari è meno diretto. Leclerc ha iniziato la gara con gomme nuove di zecca, Sainz con quelle usate. Era quella partita tattica due contro uno mirata a Verstappen.

“Il piano era quello di assicurarsi che stessimo eseguendo un’inversione su Max perché avrebbero scelto il nuovo o anche l’usato. Abbiamo scelto l’usato e questo probabilmente mi ha fatto rimanere un po’ indietro nel primo stint perché Charles stava spingendo molto in testa e Max stava quasi riuscendo a stargli dietro con l’usato e io con l’usato riflettevo solo un po’ le lotte che ho avuto per tutto il fine settimana. Non sto gestendo molto bene le gomme e soffro un po’ con il posteriore”.

Il ritiro tardivo di Verstappen ha regalato a Sainz il secondo posto e nella matematica del gioco questo può essere considerato un ottimo risultato per Carlos. In un raro fine settimana in cui ha faticato, ha finito solo un posto dietro il suo compagno di squadra anziché due.

“Devo migliorare se voglio lottare per la vittoria. Metterò la testa bassa e cercherò di fare alcuni passi in avanti a Gedda” disse. “Posso migliorare da un weekend all’altro? Penso di sì. Posso ridurre del tutto il deficit? È un’ottima domanda. Vorrei poterlo fare e lavorerò sodo per questo, ma ho ancora bisogno di capire tutto e devo ancora analizzare tutto con i miei ingegneri per tornare più forte.

“[Ma in generale] è solo un’ottima notizia per la Ferrari e per noi perché è dove dovrebbe essere la scuderia ed è dove io e Charles vogliamo essere nelle nostre vite, lottando per i campionati del mondo. Sarà ancora un anno lungo. È un’auto veloce, ma deve essere un’auto veloce tutto l’anno.”

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: