Carlos Sainz Jnr afferma che la Formula 1 deve trovare un modo per aggiungere entusiasmo alle sue nuove gare di qualificazione sprint.

Si torna a parlare della Qualifica Sprint che scorsa settimana ha nuovamente fatto tappa per la seconda volta quest’anno, a Monza. A discutere sulla sua spettacolarità è Carlos Sainz, il quale ritiene che il nuovo esperimento di format della F1 sia stato utile in quanto offre ai team un tempo limitato per preparare le proprie vetture con una singola sessione di prove prima delle qualifiche: “Venerdì è chiaramente migliorato per tutti, è un progresso”, ha detto. “Penso che [il primo allenamento] sia eccitante perché sai che non puoi sbagliare un piede e devi imparare.”

Inoltre aggiunge: “Per i team, con la quantità di strumenti di simulazione che ci sono al giorno d’oggi, costringe i team a essere moderni, aggiornati e al top delle simulazioni per provare a mettere insieme una buona macchina già venerdì. Le squadre al giorno d’oggi hanno abbastanza strumenti per farlo accadere, come vedi qui a Monza e Silverstone”.

F1 Monza
F1 Monza

Ma Sainz vede ancora margini di miglioramento dopo la deludente gara di qualificazione sprint di sabato.

“Dobbiamo trovare un modo per rendere il sabato un po’ più emozionante perché al momento non credo che stia dando molto entusiasmo rispetto alle qualifiche del sabato”, ha detto. “Non vedo le qualifiche sprint più entusiasmanti di quelle del sabato. Quindi dobbiamo trovare un modo per rendere qualcosa di più eccitante per tutti”.

Secondo un ingegnere della Cranfield University, dove è stato sviluppato il dispositivo di protezione della testa, la fuga di Hamilton “non fortunata” dovrebbe essere attribuita all’ingegneria – non alla fortuna – per le prestazioni dell’Halo che ha protetto Lewis Hamilton nel suo incidente di Monza. Clive Temple, direttore del programma Motorsport MSc e docente senior presso l’Advanced Vehicle Engineering Center della Cranfield University, ha dichiarato: “Hamilton non è stato fortunato: è un dato di fatto che l’ingegneria e la scienza sono alla base di tutto questo lavoro che garantisce la sicurezza dei conducenti. La sicurezza è la preoccupazione principale nel motorsport”.

“L’Halo è eccezionalmente forte ed è parte integrante di altri elementi critici per la sicurezza all’interno dell’auto”, ha aggiunto. “Hamilton che vede l’auto di Verstappen salire in cima è probabilmente l’equivalente di un autobus a due piani londinese che atterra sopra l’auto. L’attuale Halo è progettato per resistere a 100 kilonewton – 10,2 tonnellate – e un moderno due piani pesa circa 12 tonnellate. 10,2 tonnellate equivalgono anche a due elefanti africani che atterrano sull’auto da corsa. Questa è davvero una struttura molto forte.”

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: