La stagione 2022 di F1, approvata dal FIA World Motor Sport Council, sarà caratterizzata da 23 gare, battendo il record stabilito dal programma di 22 round di quest’anno. Il campionato si aprirà con una gara al Bahrain International Circuit, per la quarta volta nella sua storia, il 20 marzo. Mentre si concluderà esattamente otto mesi dopo, inserendo 23 gare in 36 weekend.

Abu Dhabi ospiterà l’ultima gara della stagione, come ogni anno dal 2014. La data del 20 novembre è la prima conclusione di una stagione di F1 dal 2010 e garantisce che il campionato finirà un giorno prima della prima partita del Coppa del mondo di calcio FIFA che si disputerà in Qatar, e proprio per questa ragione il circuito sarà assente dal calendario del 2022. Dovrebbe tornare in programma nel 2023.

Per la prima volta dal 1984, la F1 ospiterà due gare negli Stati Uniti. Una gara a Miami, confermata ad aprile dopo diversi tentativi di realizzare il piano, e si svolgerà a maggio. Questo si unirà alla gara esistente al Circuit of the Americas in Texas, che segnerà il suo decimo anniversario nel 2022.

Grande attesa per l’Italia: Monza e Imola

L’Italia ospiterà anche due gare poiché il Gran Premio della Cina è stato cancellato dal calendario per il terzo anno consecutivo a causa della pandemia di Covid-19. Imola tornerà quindi nuovamente in programma ad aprile per il Gran Premio dell’Emilia-Romagna, mentre Monza continua a ospitare il Gran Premio d’Italia.

Altre sedi che non tengono gare dal 2019 a causa del Covid-19 torneranno nel programma. La F1 tornerà a Melbourne in Australia, Montreal in Canada, Suzuka in Giappone e il circuito di Marina Bay a Singapore.

L’Autodromo do Algarve in Portogallo e l’Istanbul Park in Turchia, che hanno fatto disputare gare nelle ultime due stagioni nonostante la pandemia, non torneranno nel programma.

La F1 ha indicato che le gare di Imola, il Circuit de Catalunya, Singapore e il Circuit of the Americas sono soggette all’accordo di nuovi contratti per quegli eventi.

“Siamo molto soddisfatti dell’interesse per la Formula 1 da parte di luoghi che vogliono ospitare gare e la crescita di questo sport. E crediamo di avere un calendario fantastico per il 2022 con destinazioni come Miami che si uniscono a luoghi famosi e storici”, ha affermato l’amministratore delegato della F1 Stefano Domenicali. . “La pandemia è ancora con noi e continueremo quindi a essere vigili e al sicuro, per proteggere tutto il nostro personale e le comunità che visitiamo”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: