Ferrari F1 Al termine del Gran Premio di Monaco, quinta prova del campionato del mondo di Formula 1, la Ferrari è seconda con Carlos Sainz, mentre Charles Leclerc non è riuscito a schierarsi in griglia per un problema al semiasse sinistro. Stati d’animo diametralmente opposti fra i due piloti del team di Maranello.

Carlos Sainz si presenta visibilmente felice ai microfoni si Sky Sport F1:

“E’ un bel risultato, se me l’avessero detto prima avrei firmato per il 2° posto. Con il weekend che abbiamo avuto, ovvero con Leclerc in pole e l’ultimo giro sbagliato da parte mia, il sapore non è così dolce, ma siamo fieri di quanto fatto. Siamo orgogliosi come Ferrari F1 di come siamo migliorati in queste settimane. Dovevo azzeccare la partenza, gestire il traffico. Poi c’è stato il problema di Bottas, ma la macchina stava andando bene comunque”. Per lo spagnolo è comunque una gioia a metà pensando alla squadra: “E’ una buona giornata oggi come pilota, anche se purtroppo il guaio di Charles ha reso tutto più negativo. Se fosse partito avrebbe vinto, mi spiace per lui e per la Ferrari. Meritavamo almeno il podio e con il mio 2° posto forse siamo tutti più felici. Stiamo facendo un grande progresso e dobbiamo essere orgogliosi”. E pensando ai punti di forza della sua SF21 conclude: “Forse a Singapore avremo un’altra chance, sarà difficile negli altri GP. Ma qui si poteva vincere, speriamo di avere più fortuna e di riuscirci”.

Sensazioni ovviamente diverse per Charles Leclerc: “Sento tanta tristezza, ero molto emotivo nella macchina quando ho capito cosa era successo”, ha spiegato il pilota di casa ancora a gara in corso. “Peccato per i meccanici che hanno lavorato tanto ed erano fiduciosi. Non sembra siano problemi al cambio, ma nella parte sinistra della vettura. Al momento non sappiamo cos’è. Sono triste, avrò bisogno di qualche giorno per stare meglio. Abbiamo controllato tutti i pezzi, erano a posto. Dobbiamo vedere cosa ha ceduto. Credo sia collegato all’incidente di sabato, ma dobbiamo verificare. Non so qual’è stata la causa”. Charles torna sull’errore di sabato dove l’aver dato il massimo per la pole prevale sui sensi di colpa dell’errore durante l’ultimo tentativo: “Quando mi potrò perdonare l’errore? Ieri ho spinto, ho fatto l’errore ma è quella velocità che mi ha messo in pole. Sicuramente gli altri andavano forte, ma noi siamo andati veloci perchè ho spinto io. Nel secondo giro lanciato ho spinto troppo e sono andato a muro. Ho dato tutto, a Monaco succede. Gli errori capitano, dobbiamo capire cosa è successo”.

Instagram https://www.instagram.com/newsf1.it/
Pagina https://www.facebook.com/notizief1
Twitter : https://twitter.com/Graftechweb
Leggi il libro di Aimar Alberto https://amzn.to/3rzWb

A proposito dell'autore

Post correlati

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: