L’austriaco spera che la rivalità Mercedes-Red Bull, esplosa dopo il contatto tra Hamilton e Verstappen, possa riassumere toni cordiali e rispettosi.

L’incidente del GP di Gran Bretagna che ha visto coinvolti Lewis Hamilton, poi vincitore della gara, e Max Verstappen, costretto a ritirarsi dopo aver urtato violentemente le barriere alla Copse, non ha certamente rasserenato i già tesissimi rapporti tra la Mercedes e la Red Bull. Le varie controversie tecniche di inizio stagione hanno contribuito alla creazione di un’atmosfera assai tossica tra i due team, i quali erano tuttavia sempre rimasti nei limiti del rispetto e della sportività. Purtroppo la situazione pare essere degenerata proprio dopo l’incidente di Silverstone, che ha provocato le ire della scuderia anglo-austriaca: Christian Horner ha chiamato “scorretto” Hamilton, mentre Verstappen lo ha definito“antisportivo” per aver festeggiato la vittoria quando l’olandese si trovava in ospedale per accertamenti. Queste accuse non sono tuttavia piaciute a Toto Wolff, che ha auspicato un ridimensionamento dei toni e un ritorno ad una lotta più cordiale.

“Dal punto di vista del team…” – ha detto l’austriaco in un’intervista a Motorsport.com“…posso capire che quella situazione sia stata spiacevole, però il linguaggio utilizzato e quegli attacchi personali sono stati di un livello mai visto in questo sport. Capisco l’essere di parte riguardo all’incidente e le emozioni che prova un padre.” – ha proseguito Wolff, commentando alcune forti dichiarazioni, poi smentite, di Jos Verstappen“Probabilmente avrei reagito nello stesso modo, ma avrei usato un linguaggio diverso. Penso che quando ci saremo tutti calmati proveremo a ristabilire il nostro rapporto professionale con la Red Bull per il bene della F1. Ma oltre a questo non ci sono state discussioni, e non ce ne saranno altre. Non sono affatto preoccupato che loro possano protestare contro la decisione dei commissari”.

Il Team Principal della Mercedes ha concluso sottolineando che né Hamilton, vittima di disgustose offese a sfondo razziale sui social dopo l’incidente di domenica, né la scuderia di Brackley stanno prestando attenzione alle polemiche: “Onestamente, penso che Lewis sia abbastanza tranquillo. Questa faccenda è molto polarizzante, alcune dichiarazioni sono state molto personali e probabilmente hanno contribuito ad infiammare ancor di più la situazione. Ma tutto sommato lui è a posto. Penso che le controversie siano elementi interessanti ed utili allo sport, ma quando si scade nelle ostilità personali si oltrepassa il limite. Però alla fine ognuno valuta da sé come comportarsi. Questo campionato è ancora molto lungo e ci sono tanti punti in palio: dobbiamo pensare solo a noi stessi e provare a recuperare un po’ di performance, così da tornare a lottare per la vetta. Le controversie sono elementi esterni, e crediamo che non abbiano alcun’influenza all’interno della nostra organizzazione”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: