Secondo Verstappen e Christian Horner, il quinto posto nella gara di Singapore rappresenta un risultato accettabile dopo un sabato terribile.

Dopo un filotto di quindici vittorie, di cui dieci consecutive per Max Verstappen, si è interrotto nel GP di Singapore la straordinaria serie di successi della Red Bull. A Marina Bay ha trionfato Carlos Sainz sulla Ferrari, in un weekend in cui la RB19 è sembrata la brutta copia della vettura dominante vista fin qui. I problemi di assetto e bilanciamento della vettura hanno portato alla scioccante eliminazione di Verstappen e Sergio PĂ©rez nel Q2, in un sabato a dir poco catastrofico anche dal punto di vista della comunicazione tra muretto e pilota. Alla domenica le cose sono senza dubbio migliorate: nonostante tanta sfortuna, l’olandese ha chiuso quinto a pochi decimi da Charles Leclerc, mentre il messicano ha tagliato il traguardo ottavo dopo una gara ricca di contatti e duelli.

Redbull
Foto: Red Bull Content Pool

Ai microfoni di F1TV, Verstappen non ha nascosto un po’ di rammarico per il timing delle due Safety Car, che gli ha impedito di lottare per posizioni migliori: “Penso che siamo stati sfortunati con entrambe le Safety Car, altrimenti avremmo potuto fare di piĂą. Sulle medie il ritmo era davvero buono, mi sono divertito. Quelle due circostanze non ci hanno aiutato, dato che eravamo sulla strategia alternativa e in questi casi serve un po’ di fortuna. In generale la macchina si è comportata meglio in gara, e questa è la cosa piĂą importante. Dobbiamo cercare di capire perchĂ© questo weekend è andato così, ma a Suzuka troveremo un layout della pista completamente diverso.”

PĂ©rez, penalizzato in maniera ininfluente di 5″ sul tempo di gara per un contatto con Albon in Curva 13 (non trasmesso dalla regia internazionale), ha espresso così la sua delusione al termine della gara di Singapore: “E’ stata dura, come ci aspettavamo. Niente ha funzionato in nostro favore, e il timing delle Safety Car è stato il peggiore possibile. Non è stata la nostra giornata. Abbiamo fatto il meglio possibile con una strategia diversa rispetto a tutti gli altri. Per quanto riguarda il contatto con Alex, dopo aver deciso di tentare il sorpasso non avevo piĂą spazio. Non appena l’ho visto allargare un po’ la traiettoria, ci ho provato. Qua è sempre molto difficile sorpassare.”

horner
Foto: Alessandro Martellotta per Newsf1.it

“Prima di tutto mi voglio congratulare con Carlos e con la Ferrari.” – ha invece dichiarato Christian Horner“Oggi hanno fatto un lavoro straordinario. Per noi è stato un filotto di vittorie fantastico, ma prima o poi doveva finire. E’ stato incredibile riuscire a conquistare quindici vittorie consecutive. La gara è stata emozionante, ma per noi la Safety Car è uscita nel momento piĂą sbagliato, cancellando ogni possibilitĂ  di rientrare in lotta. E’ stata comunque una bella performance se consideriamo il ritmo di Max nel finale e la rimonta di Checo. Prima della gara, le proiezioni ci davano sesti o settimi al traguardo nella migliore delle ipotesi. Non le abbiamo considerate granchĂ© e abbiamo seguito un piano diverso, optando per una strategia aggressiva e mirata a sfruttare una Safety Car all’inizio o nel finale. […] Max aveva un bel passo e ha fatto una gran rimonta, arrivando a lottare con Leclerc.”

“Abbiamo imparato molte cose.” – ha concluso il Team Principal della Red Bull – “Dobbiamo analizzare alcuni dettagli piĂą nel profondo, ma in gara la macchina ha performato molto meglio. Abbiamo alcune idee a riguardo, e speriamo di essere piĂą competitivi su un tracciato molto diverso da Singapore come Suzuka. Non vediamo l’ora di correre in Giappone, è sempre un bell’evento e una grande pista. La Mercedes non ci ha sottratto troppi punti in Classifica Costruttori, quindi lĂ  avremo un’altra possibilitĂ  per il titolo.”

Foto copertina: Red Bull Content Pool

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: