Il capo del team Red Bull Christian Horner ha definito il nuovo accordo una “vera dichiarazione di intenti” mentre la squadra di Milton Keynes traccia il suo futuro.

L’olandese aveva già un contratto che copriva le stagioni 2022 e 2023 dopo che una precedente proroga era stata annunciata a gennaio 2020.

Si ritiene che la durata totale di sette anni del nuovo accordo sia il contratto da pilota più lungo mai firmato in F1.

Dopo aver vinto il campionato del mondo 2021 ad Abu Dhabi, Verstappen ha scherzato sul fatto che volesse rimanere con la squadra per i prossimi “10 o 15 anni”, e il capo del motorsport della Red Bull Helmut Marko ha confermato poco dopo che era in lavorazione un’estensione.

Prima della conferma ufficiale dell’accordo, i media olandesi hanno suggerito mercoledì che un nuovo contratto potrebbe valere fino a 50 milioni di euro all’anno.

Sebbene Red Bull abbia perso il suo supporto Honda, il team ha recentemente concluso alcuni importanti accordi di sponsorizzazione, tra cui una sponsorizzazione del titolo con Oracle e un accordo da 150 milioni di dollari con la piattaforma di criptovaluta Bybit.

In combinazione con il limite di spesa FIA, questi accordi hanno dato al team la sicurezza di spendere tutto il necessario per mantenere il suo pilota di punta.

“Mi piace molto far parte del team Oracle Red Bull Racing, quindi scegliere di rimanere fino alla stagione 2028 è stata una decisione facile”, ha detto Verstappen del nuovo accordo.

“Amo questo team e l’anno scorso è stato semplicemente incredibile, il nostro obiettivo da quando ci siamo riuniti nel 2016 era vincere il campionato e l’abbiamo fatto, quindi ora si tratta di mantenere il numero uno sulla macchina a lungo termine”.

Il contratto esteso assicura i servizi di Verstappen nei primi tre anni delle nuove normative sui propulsori che entreranno in gioco nel 2026.

Avere Verstappen a lungo termine dà alla Red Bull una forte mano nelle trattative in corso con il Gruppo VW per quanto riguarda la fornitura di propulsori, e in effetti nelle discussioni con qualsiasi altro produttore disposto a sottoscrivere e contrassegnare il motore della Red Bull.

“Avere Max con Oracle Red Bull Racing fino alla fine del 2028 è una vera dichiarazione di intenti”, ha affermato Horner.

“Il nostro obiettivo immediato è mantenere il titolo mondiale di Max, ma questo accordo mostra anche che fa parte della pianificazione a lungo termine della squadra.

“Con la divisione Red Bull Powertrains che lavora per le nuove normative sui motori per il 2026, volevamo assicurarci di avere il miglior pilota sulla griglia”.

A proposito dell'autore

Post correlati

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: