Le nuove vetture F1 hanno un problema in comune: il peso. Le regole introdotte nel 2022 prevedono che le monoposto pesino almeno 798 chilogrammi, ben 46 in più rispetto alla stagione scorsa. Sebbene la FIA abbia concesso un supplemento di 3 chili rispetto ai 795 iniziali, molte scuderie soffrono di un sovrappeso non indifferente in un mondo dove pochi grammi possono fare la differenza. Non tutti però hanno qualche chilo in eccesso, l’Alfa Romeo-Sauber ha il problema contrario e deve ricorrere all’uso di zavorre per poter rispettare il peso richiesto. Il direttore tecnico Jan Monchaux ha spiegato la filosofia utilizzata quest’anno in fase di progettazione: “Finora abbiamo sempre avuto la tendenza a focalizzarci sull’affidabilità, iniziando la stagioni con problemi di sovrappeso. Ora non voglio più percorrere quella strada.

Tutte le altre vetture hanno iniziato la stagione con un peso eccessivo. Mercedes e RedBull avrebbero addirittura 15 chilogrammi in più, Ferrari 10 mentre McLaren e Haas 5. Chi riuscirà ad alleggerire la vettura prima degli altri avrà un bel vantaggio in termini di tempo sul giro, ma come ha spiegato Helmut Marko, è un percorso lungo e complicato. “Non possiamo perdere peso dal giorno alla notte, ma solo passo dopo passo. Ci vorrà del tempo per raggiungere il peso ideale.” Alcuni fonti riferiscono che Mercedes abbia in programma il raggiungimento dell’obiettivo peso forma per l’estate.

Le soluzioni pensate dalle scuderie per ridurre il peso

Nel frattempo, le scuderie studiano qualsiasi modo per alleggerirsi ricorrendo anche a parti della vettura sverniciate. “Una verniciatura completa pesa circa sei chilogrammi” afferma il direttore sportivo dell’Alfa Romeo-Sauber Beat Zehnder. “Non abbiamo verniciato parti dei sidepod e dell’alettone posteriore per risparmiare 350 grammi”, ha dichiarato Andy Green, direttore tecnico dell’Aston Martin. Ferrari, Alfa Romeo e Aston Martin hanno deciso di utilizzare ali nere, incollando i loghi degli sponsor direttamente sulla struttura in fibra di carbonio.

In seguito ai test in Bahrain, RedBull ha fatto a meno della vernice sui due elementi dell’ala inferiore. Mclaren ha solo il flap dell’ala posteriore colorata in azzurro e anche una gran parte del cofano non è più in arancione come nei test di Barcellona. RedBull inoltre utilizza in molte zone dei sidepod il nero originale del carbonio. Alpine non utilizza la vernice in numerose zone del posteriore, Williams risparmia nella zona inferiore del cofano motore e Mclaren utilizza una striscia in fibra di carbonio che taglia tutta la vettura. In attesa di sviluppi ben mirati, le scuderie devono ingegnarsi con le più svariate idee.

Scrivi

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: