Saranno tre ingegneri che risponderanno direttamente a lui coloro che lo sostituiranno. Binotto si concentrerà solo sul ruolo di team principal per il futuro in Ferrari

Colpo di scena in casa Ferrari. Il team principal Mattia Binotto aveva coperto fino ad oggi anche il ruolo di direttore tecnico, carica a cui ha deciso di rinunciare improvvisamente, dopo gli scarsi risultati ottenuti sino ad ora in questa stagione. La deludente SF90 fino ad oggi non ha ottenuto neanche un successo, anche se Charles Leclerc e Sebastian Vettel ci sono andati vicino in tre occasioni.

L’ufficialità della notizia non è ancora stata data ma pare manchi solo quella, che potrebbe essere annunciata già da Hockenheim. Binotto ha ceduto il suo ruolo a tre ingegneri che risponderanno direttamente a lui, in un momento in cui sta tentando di riorganizzare al meglio la gestione del Reparto Corse. I tre potrebbero essere Enrico Cardile ( telaio), David Sanchez ( aerodinamica) e Corrado Lotti ( motori). La settimana era iniziata col botto con l’annuncio del ritorno di Simone Resta, direttore tecnico dell’Alfa Romeo Racing dal luglio dello scorso anno ed ora nuovamente a Maranello.

Resta si occuperà del progetto 2021, annozero per quanto riguarda i regolamenti. Bisogna dunque aspettare per avere i nomi effettivi dei tre tecnici, perchè non è da escludere che proprio il rientrante Resta possa far parte di questa nuova organizzazione. Quello di Binotto è comunque un passo indietro importante, ulteriore segnale che la rivoluzione invernale con la cacciata di Maurizio Arrivabene e la messa nelle mani dello stesso Mattia di tutti i poteri è stata un fallimento. Si attendono a breve delle novità importanti.