F1 NewsFormula 1

F1, Horner risponde a Verstappen: “Non obbligo nessuno a restare”

Prima delle qualifiche per il Gran Premio dell’Arabia Saudita, sono emerse notizie secondo cui il consigliere Helmut Marko potrebbe essere sospeso dalla Red Bull. Dopo aver conquistato la pole position, Max Verstappen – che fino a quel momento era stato piuttosto neutrale nella lotta per il potere in corso nella squadra – ha dato a Marko il suo pieno sostegno e ha lasciato intendere che se Marko dovesse lasciare la squadra, il suo futuro sarebbe stato in dubbio.

Dopo aver vinto a Jeddah, Verstappen è stato ulteriormente spinto sulla questione e gli è stato chiesto se avrebbe seriamente preso in considerazione l’idea di abbandonare la squadra alla fine del 2024 e rinunciare a un potenziale titolo mondiale nel 2025, decidendo tuttavia di non rispondere.

Una sorta di risposta, però, è arrivata da Christian Horner

“Nessun individuo è più grande della squadra. Abbiamo una macchina fenomenale, abbiamo un posto libero per il prossimo anno (quello di Sergio Perez) e probabilmente ho 16 piloti che desiderano disperatamente salire su quella macchina l’anno prossimo,”– così Christian Horner ai media.

“Abbiamo tutti un interesse comune, che è la performance della squadra. E la squadra viene prima di tutto per ogni singolo membro, dal vertice alla base. Senza che la squadra lavori in assoluta armonia, è impossibile ottenere prestazioni come queste, ma se un individuo non vuole stare nella squadra, non obblighiamo le persone a rimanere. Abbiamo solo persone appassionate del proprio lavoro, la stessa passione che ci consente di ottenere i risultati importanti.”

Lascia un commento