Durante la sfida in pista in Ungheria, il campione del mondo Mercedes è andato alla radio chiedendo sulla tattica di guida di Alonso, ma ciò non ha turbato il pilota alpino che ha dichiarato: “Hamilton si lamenta di tutto. Non ho sentito nulla dalla FIA quindi penso che sia andato tutto bene”

Il due volte campione del mondo di F1 ha svolto un ruolo chiave nel Gran Premio d’Ungheria difendendo il compagno di scuderia Ocon primo, dagli attacchi di Lewis Hamilton, arrivato poi terzo.

Il veterano spagnolo ha dato il meglio di sé respingendo la carica di Hamilton e impedendo al campione del mondo in carica di ottenere la sua 100esima vittoria e aumentare ulteriormente il suo vantaggio nella classifica a punti.

Parlando dopo una gara avvincente, in cui è stato votato Driver of the Day, Alonso ha dichiarato ad AutoBild: “Ho visto sugli schermi televisivi in ​​pista come Vettel ed Esteban hanno combattuto per la vittoria a poche curve davanti a me e sapevo: “ogni giro in cui posso fermare Lewis è oro per la vittoria”. Nelle ultime curve non è mai stato abbastanza vicino per attaccare, ma ha provato diverse linee dietro di me e poi ha usato il meglio nella sua manovra successiva contro Carlos Sainz”, ha spiegato Alonso.

Durante la sfida in pista in Ungheria, il campione del mondo Mercedes è andato alla radio chiedendo sulla tattica di guida di Alonso, ma ciò non ha turbato il pilota alpino che ha dichiarato: “Hamilton si lamenta di tutto. Non ho sentito nulla dalla FIA quindi penso che sia andato tutto bene”

E ha aggiunto: “È stato importante per Max e ho davvero dato tutto”.

All’inizio del fine settimana all’Hungaroring, Verstappen ha criticato i giornalisti per essersi inimicati la competizione per il titolo con domande relative alla sua “rappresaglia” all’inizio del suo primo giro durante il Gran Premio di Gran Bretagna due settimane prima, l’asso olandese ha fatto eccezione a una domanda per molti sulla questione.

Alonso ha simpatizzato con il 23enne: “Questo sport è attualmente in un ambiente dominato dagli inglesi: squadre, giornalisti, troupe televisive – la maggior parte di loro proviene dall’Inghilterra. E, naturalmente, tutti preferiscono il ragazzo del loro paese d’origine. Per le stesse ragioni, mi sentivo davvero male quando stavo combattendo contro i piloti britannici. Ecco perché capisco la sua situazione”, ha ricordato il due volte campione del mondo di F1.

Il coraggioso cameo di Alonso, non è passato inosservato al boss della Red Bull Christian Horner che ha riconosciuto dopo la gara: “Fortunatamente, la Mercedes ha commesso un errore strategico e sembrava che Fernando Alonso stesse guidando per la Red Bull! Di conseguenza, il danno è stato inferiore a quello che avrebbe potuto essere”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: