Mattia Binotto analizza nel complesso i risultati arrivati dopo l’aggiornamento alla Power Unit. Dopo l’ultimo Gran Premio in Turchia, si può certamente affermare quanto la Ferrari sia sulla strada giusta.

Il Team Principal era assente dal muretto della Ferrari al Gran Premio di Turchia 2021, dove i suoi piloti Charles Leclerc che Carlos Sainz sono arrivati ​​rispettivamente al quarto e all’ottavo posto. Un buon risultato che Binotto ha attribuito al nuovo aggiornamento del propulsore che sta dando loro un piccolo vantaggio.

Leclerc ha ricevuto l’unità di potenza potenziata nel fine settimana del Gran Premio di Russia, dove è partito 19°, e ha mostrato un ritmo incoraggiante mentre scalava la griglia. Una strategia piuttosto confusionaria quando è arrivata la pioggia, lo ha visto arrivare poi 15°. Sainz ha ricevuto il propulsore potenziato in Turchia. Partito anche lui 19°, si è reso autore di una straordinaria rimonta.

Binotto ha parlato con il sito Web ufficiale della Formula 1 dell’unità aggiornata e dei vantaggi in termini di prestazioni che ha offerto al team e ai suoi piloti.

“Ci sta dando un piccolo vantaggio”, ha detto. “Non voglio quantificarlo sul tempo sul giro perché dipende dalla pista. Non è solo pura potenza ICE, è recupero di energia, quindi è un po’ complesso. Ma sicuramente ci sta dando un vantaggio. Se guardo bene le qualifiche con Charles, è stato il quarto tempo sul giro [più veloce]. Se guardo dietro di lui, era molto vicino e sono abbastanza sicuro che un paio di posizioni sarebbero andate perse senza quella specifica”.

Il capo squadra ha sottolineato che la decisione di dare ai suoi piloti l’aggiornamento di potenza è stata presa pensando al 2022, poiché il team cerca di avere un’unità di potenza competitiva prima che il previsto blocco dello sviluppo diventi effettivo il prossimo anno.

“Come abbiamo detto all’inizio con Charles, quando abbiamo introdotto il nuovo sistema ibrido a Sochi, il primo obiettivo era cercare di aumentare la nostra esperienza in vista del 2022”, ha insistito Binotto.

“Ecco perché l’abbiamo introdotto il prima possibile, cercando di affrettarlo, prendendo anche qualche rischio, ma è tutta una valutazione basata sul rischio. Ovviamente per noi, è chiaro che dobbiamo ottenere il chilometraggio in pista e fare la nostra esperienza prima del 2022, quando le unità di potenza saranno congelate… Per noi, quella era la chiave e la ragione del cambiamento”, ha spiegato.

Il terzo posto costruttori torna ad essere un obiettivo?

Sebbene il terzo posto nella classifica costruttori non fosse una priorità per la Scuderia all’inizio di questa stagione, poiché si sono concentrati sulla costruzione di una vettura competitiva per il 2022 secondo il nuovo regolamento aerodinamico, con il progredire della stagione la squadra di Maranello si trova ora a soli 7,5 punti di distacco dalla McLaren. A sei gare dalla fine, la Ferrari è pronta a usurpare la squadra di Woking, qualcosa che Binotto ammette essere un obiettivo realistico ora.

“P3 è sicuramente un obiettivo che abbiamo già comunicato alla squadra”, ha ammesso. “Penso che tutti siano d’accordo con questo. Sarebbe bello conquistarlo”, spera . “Quindi sì, abbiamo intenzione di finire, o almeno il nostro obiettivo è finire terzi alla fine della stagione.”

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: