Ocon ha vinto il suo primo GP in carriera, grazie ad uno straordinario Alonso e ad una gara pazza. Il giovane francese ha scritto una pagina storica per l’Alpine, dando una gioia ad un team con una spiccata anima italiana.

Per una volta, la super rimonta non è riuscita a Lewis Hamilton, che dall’ultima posizione (per un clamoroso errore del team) è arrivato al terzo posto. Poi divenuto secondo dopo la squalifica di Vettel. Fernando Alonso ha tenuto dietro Lewis, finché ha potuto, dimostrando che l’età è solo un numero. Esteban Ocon ha potuto così festeggiare il primo sudatissimo trionfo in F1. Sembrava una formalità la vittoria dell’anglocaraibico della Mercedes, dopo un clamoroso crash che ha coinvolto tutti gli avversari diretti alla prima curva. In un solo colpo le Red Bull e le McLaren sono state invischiate in una carambola causata da Bottas e pochi metri più indietro da Stroll che ha colpito in pieno Leclerc. Due errori grossolani che hanno condizionato anche la corsa del ex leader della classifica Verstappen, che ha chiuso la prima parte di stagione nel peggiore dei modi.

Wolff F1

Curioso che Toto Wolff abbia definito quello di Bottas unpiccolo errore”. Il team principal della Mercedes ha dichiarato che il finlandese “è andato troppo tardi sui freni e ha portato fuori Lando e le due Red Bull. Le cose non dovrebbero andare così, ma sotto la pioggia può essere molto difficile”.

Nonostante le scuse e la inevitabile constatazione delle responsabilità del pilota finlandese, Toto Wolff, quando il danno lo aveva subito nel 2018, si era espresso in modo molto diverso nei panni della parte lesa.

A Le Castellet siamo stati buttati fuori, questa è la seconda volta, tanti punti persi nel costruttori. Per dirlo con le parole di James Allison ‘è stato fatto deliberatamente o si tratta di incompetenza? Questo è il nostro dubbio“. Si era espresso così il team principal della Mercedes riguardo l’incidente fra Kimi Raikkonen e Lewis Hamilton al termine del Gran Premio della Gran Bretagna 2018.

Max Verstappen

Furioso Verstappen che ha commentato: “In partenza alcuni esagerano? Beh, Valtteri oggi ha fatto una ca**ata enorme, ha frenato troppo tardi e si è buttato addosso a Lando. Lando non poteva fare nulla e poi ovviamente è venuto addosso a me. Credo che dal cervello gli sia uscita una cosa rumorosa. Di quelle che puzzano”.

Delusione in casa Ferrari

In una gara senza logica, la Scuderia italiana non è riuscita ad andare oltre la quarta posizione con Sainz (divenuto terzo, ma l’Aston Martin ha presentato appello per la squalifica di Vettel). Questa volta le responsabilità non sono della squadra, come ha ammesso Mattia Binotto.

Leclerc

Il team principal della Ferrari ha spiegato: “Oggi sono ‘disappointed’, lo dico all’inglese. Ha iniziato a piovere poco prima della gara. Sapevamo che per noi oggi era una bella occasione e la stavamo anche creando. Charles è partito cauto e si è trovato in seconda-terza posizione, in quel momento aveva fatto la curva e aveva strada libera. Poi è stato letteralmente speronato da Stroll, che non si sapeva da dove fosse arrivato e non aveva per nulla in controllo la propria vettura. Dispiace perché sarebbero stati punti importanti anche per lui. Anche per Carlos poteva essere una gara diversa, poteva essere dietro ai due primi, invece è stato imbottigliato per gran parte della gara. In generale Carlos ha fatto dei bei primi giri, siamo contenti comunque della sua gara. Arrivando in fondo alla fine è stata più un’occasione persa, ma non per mancanza nostra. Peccato un risultato così”.

Charles Leclerc, dopo l’appuntamento di Budapest, ha dichiarato: “Una domenica estremamente frustrante per me. Ho avuto una buona partenza ed ero in ottima posizione, in lotta per il secondo o terzo posto. Sapevo di avere un’opportunità oggi, quindi l’ho presa con calma e sono stato cauto. Stavo affrontando la prima curva e proprio non mi aspettavo che qualcuno facesse quel tipo di mossa su di me. Essere messo fuori gioco, in questo modo, è un vero peccato. Il danno era talmente ingente, che una volta arrivato alla frenata della curva successiva sono subito finito in testacoda. Non è proprio così che volevamo iniziare la pausa estiva, ma tant’è”.

Formula 1 - Notizie F1, News Auto
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: